Mangia funghi velenosi, grave ragazzo di Meta

funghi-velenosi

META. Un piatto di funghi velenosi rischia di essere fatale a Mario Ercolano, un ragazzo di 19 anni ricoverato al Cardarelli. Il giovane di Meta, subito dopo il malore accusato per aver mangiato dei funghi raccolti presso la pineta de Le Tore, era stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale di Sorrento. Ma le sue condizioni sono apparse subito così gravi da consigliare i sanitari per l’immediato trasferimento al nosocomio napoletano.

Qui il giovane è stato ricoverato presso l’unità di terapia intensiva per il fegato, il reparto dove di solito vengono ricoverati coloro che sono in attesa di un trapianto e i pazienti con gravissimi disturbi epatici. I medici napoletani hanno immediatamente sottoposto il 19enne ad una terapia specifica con l’obiettivo di fermare l’avanzata delle sostanze tossiche rilasciate dai funghi.

Ora Mario Ercolano lotta tra la vita e la morte. Migliorano, invece, le condizioni della madre Carmela, del padre e del fratello maggiore Giuseppe, che pure avevano accusato forti disturbi dopo aver mangiato i funghi. Residente nel centro di Meta, a pochi passi da piazza Vittorio Veneto, Mario Ercolano è uno studente dell’istituto professionale Galileo Galilei di Vico Equense.