In ritardo i lavori di bonifica della zona di Alimuri

abbattimento-ecomostro

META. Le pessime condizioni meteo delle ultime settimane hanno rallentato le operazioni di raccolta e smaltimento dei detriti dell’ecomostro, abbattuto il 30 novembre scorso. Per questo motivo il sindaco di Meta, Giuseppe Tito, ha firmato un’ordinanza che consente agli operai l’accesso all’area fino al 29 marzo prossimo.

La zona, interdetta dall’agosto del 1996 per il rischio di caduta massi dal costone calcare, è stata riaperta il 13 novembre scorso, ma solo per consentire la demolizione dell’ecomostro e la successiva bonifica dell’area. Interventi che si sarebbero dovuti concludere entro la metà di febbraio, ma il maltempo ha rallentato le operazioni. L’amministrazione di Vico Equense e la ditta incaricata, quindi, hanno chiesto e ottenuto dal Comune di Meta il permesso di accedere ad Alimuri fino alla fine di marzo. Per chiunque altro la zona resta off-limits.

Il sindaco Tito ha però avvisato: “Mi auguro che i lavori si concludano entro la fine del mese e non si protraggano fino all’estate. Il transito dei camion sulle nostre strade e l’arrivo dei bagnanti creerebbero disagi insostenibili per i residenti. E questa è un’ipotesi che va scartata senza mezzi termini”.

Nel frattempo sono iniziati anche i lavori per la realizzazione della passeggiata Meta-Alimuri. Ieri mattina sono stati aperti i cantieri nei pressi del lido La Conca. Da qui gli operai cominceranno a realizzare la pavimentazione e il nuovo impianto di pubblica illuminazione fino allo stabilimento Golden Beach. Nei prossimi giorni, invece, un secondo gruppo di maestranze avvierà le opere tra la spiaggia del Purgatorio e il lido Resegone. Successivamente le due squadre si ricongiungeranno all’altezza della Marinella per ultimare la passeggiata.

L’intervento riguarderà anche via Caruso e i gradoni dei pescatori e dovrà concludersi necessariamente entro la fine della prossima estate, altrimenti si rischia di perdere il finanziamento concesso dall’Unione europea tramite la Regione Campania: per realizzare la strada che cambierà il volto della Marina di Meta e della baia di Alimuri, infatti, sono stati stanziati quasi due milioni di euro.