Capri Watch fashion & Accessories

Il sindaco di Sorrento ordina il contingentamento degli accessi alla Regina Giovanna

controllo-accessi-regina-giovanna-1

Un massimo di trecento bagnanti dopodiché si chiude. È in vigore da ieri mattina il contingentamento degli accessi ai Bagni della Regina Giovanna del Capo di Sorrento. Finalmente verrebbe da dire considerato che da quando è arrivato il via libera alla frequentazione delle spiagge successivo al blocco attuato per l’emergenza Covid-19 si segnalano nella zona assembramenti e continue violazioni delle norme che impongono il distanziamento sociale. Per questo da alcune settimane è stato istituito un servizio di vigilantes con lo scopo di far osservare le prescrizioni contenute nei decreti del governo e nelle ordinanze regionali e comunali.

Ma ciò non basta evidentemente visto che il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, tenendo proprio conto “dei rapporti della vigilanza privata” dai quali “è emerso che durante i fine settimana il sito della Regina Giovanna presenta un notevole afflusso di visitatori” ha emanato un provvedimento con il quale impone un limite agli accessi, anche a causa “dell’impossibilità di differenziare il percorso di ingresso da quello di uscita”.

Pertanto da ieri mattina è in vigore l’ordinanza che impone “l’accesso contingentato al sito della Regina Giovanna consentito ad un numero massimo di 300 utenze contestuali, con obbligo di adozione di dispositivi di protezione individuali. ad esclusione dei bambini al di sotto dei 6 anni ed i soggetti con forme di disabilità e i soggetti che interagiscono con loro”. Sono, inoltre, vietati gli assembramenti in tutte le aree del sito, “dove dovranno essere rispettate le distanze che sono derogabili solo per i nuclei familiari”.

Il sindaco Cuomo, infine, stabilisce che “l’accesso al sito sarà opportunamente presidiato da operatori addetti, in particolare nei giorni e orari di maggior affluenza, per consentirne ai visitatori una fruizione in sicurezza, fino alla capienza, dando tutte le indicazioni utili alla cittadinanza”.

I vigilantes che presidiano la strada che conduce al mare sono muniti di contapersone e quando si raggiunge la quota limite dei trecento bagnanti provvedono ad avvertire il conando della polizia municipale che poi può disporre il blocco.