Capri Watch, fashion accessories

Il Comune annulla cartelle esattoriali per 160mila euro

cartelle-pazze

SORRENTO. Buone notizie per alcuni contribuenti che avevano presentato ricorso contro il pagamento di imposte comunali (Tarsu per gli anni 2012 e precedenti, Ici 2005 e precedenti, Tares 2013, Tari 2014, 2015 e 2016). Si tratta di soggetti chiamati a versare, in totale, ben 160mila euro, ma che, in realtà, non erano tenuti al pagamento per una serie di motivazioni. Ragioni spiegate chiaramente nelle richieste di discarico.

In merito ai ricorsi, sono state effettuate istruttorie e sopralluoghi sul posto da parte dei tecnici competenti ed è stata vagliata la documentazione esibita. Verifiche che hanno dimostrato la fondatezza dei reclami. Per questo il dirigente dell’ufficio Tributi del Comune di Sorrento, Donato Sarno, ha deciso di “provvedere al discarico delle somme intimate e non dovute dai contribuenti interessati, al fine di evitare inutili contenziosi che vedrebbero l’Ente soccombente”.

Nel dettaglio per la Tarsu relativa agli anni 2012 e precedenti vengono annullate le cartelle di 35 soggetti per un importo pari a circa 38mila euro; per l’Ici degli anni 2005 e precedenti sono 3 le posizioni iscritte nei ruoli per quasi 6mila euro; Per la Tares 2013 vengono accolti 28 ricorsi per un totale di poco più di 11mila euro; poi per la Tari 2014, 2015 e 2016 sono in totale 288 le posizioni da scaricare per circa 105mila euro.