Capri Watch, fashion accessories

Gori e università Suor Orsola Benincasa insieme per lo sviluppo sostenibile

percorsi-di-sostenibilità

Si è concluso questa mattina, presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, l’evento “Percorsi di sostenibilità”: una tre giorni promossa dall’ateneo nell’ambito della terza edizione del Festival dello Sviluppo Sostenibile, organizzato da Asvis. Gori ha partecipato al progetto organizzando una visita guidata all’impianto di depurazione di Scafati per gli studenti del corso di laurea in Green Economy dell’ateneo partenopeo. I ragazzi hanno avuto la possibilità di conoscere ed approfondire la complessa dinamica della depurazione delle acque: un tassello fondamentale del ciclo idrico integrato nonché una sfida, da vincere ogni giorno, per salvaguardare l’ecosistema marino e la bellezza del territorio.

percorsi-sostenibilitàOggi, invece, i protagonisti sono stati quei laureandi che hanno sviluppato idee e progettualità per la sostenibilità durante il periodo di tirocinio svolto in aziende particolarmente sensibili a questo argomento. Presenti all’evento anche Michele Di Natale, presidenteGori, e Mara De Donato, responsabile comunicazione e corporate social responsibility. Unità, quest’ultima, in cui due laureandi del Suor Orsola in Comunicazione Pubblica e di Impresa hanno avuto modo di fare un’esperienza che consentisse loro di sviluppare la tesi di laurea magistrale sui temi della responsabilità sociale e della sostenibilità, applicando la ricerca condotta e la metodologia acquisita al caso concreto di Gori.

“La nostra azienda – ha dichiarato Mara De Donato – già nella sua mission annovera la tutela della risorsa idrica e la salvaguardia dell’ambiente, ergendo il tema della sostenibilità tra le sue priorità. Ne è testimonianza la nascita di un’unità dedicata alla Corporate Social Responsibility, dove la responsabilità sociale è intesa come volontà di gestire, attraverso le proprie attività, anche problematiche di rilevanza ecologica e sociale, cercando di perseguire sempre il benessere collettivo”.