Ciak si gira: Una troupe internazionale prepara un documentario su Punta Campanella

BaiadiIeranto

MASSA LUBRENSE. Un team di cineoperatori proveniente da Francia e Germania è in penisola sorrentina per girare un documentario sull’Area marina protetta di Punta Campanella.

Il filmato, che avrà una durata di 52 minuti, sarà trasmesso l’anno prossimo sulla tv pubblica Zdf-Arte all’interno di un programma intitolato “Le più belle coste d’Italia”.

L’emittente franco-tedesca, molto apprezzata dal pubblico dei telespettatori per il grande spazio riservato alle tematiche culturali ed ambientali, ha già mandato in onda una serie di reportage dedicati ad altri luoghi europei, prime fra tutti le coste scandinave. Un bel biglietto da visita per l’Italia ed in particolare per la costiera sorrentina, che potrà sfruttare la prestigiosa vetrina offerta dalla Zdf-Arte per mostrare l’incantevole paesaggio di Punta Campanella a milioni di telespettatori francesi e tedeschi.

Durante le riprese, la troupe internazionale dedicherà grande spazio anche alle tartarughe recuperate nei mesi scorsi dal centro di primo soccorso attivo presso l’Area marina protetta di punta della Campanella. Due caretta-caretta saranno liberate in mare dopo le cure e la riabilitazione ad opera della stazione zoologica Anthon Dohrn di Napoli. Sono anni, d’altra parte, che il parco marino di punta della Campanella fa parlare di sé per l’impegno a tutela delle acque della costiera e per una lunga serie di pregevoli iniziative.

Soddisfatto Antonino Miccio: “L’attenzione riservata al parco dalle telecamere francesi e tedesche – sottolinea il responsabile dell’Area marina protetta di Punta Campanella – costituisce l’ennesimo riconoscimento per un ente che, forte della sinergia tra i Comuni della costiera, è da anni in prima linea per la difesa del mare”.

RIPRODUZIONE RISERVATA