Ballottaggio Vico Equense. Cinque: “Nessun accordo sottobanco”

Vico Equensepiccola11

VICO EQUENSE. Maurizio Cinque continua il suo percorso di chiarezza e trasparenza e in questo solco chiarisce in modo netto che non ci sono stati nè apparentamenti nè accordi in vista del ballottaggio, bensì normali incontri fatti sulla base del programma ed espressione del naturale dialogo democratico.

“Non c’è stato nessun accordo sottobanco – chiarisce Cinque -. Tali azioni non fanno parte del nostro modus operandi. Abbiamo sottoscritto un codice etico e porteremo avanti il nostro programma sempre con l’indipendenza che ci contraddistingue. In questi giorni che ci separano dal voto del 19 giugno, infatti, abbiamo parlato a tutti gli elettori e soprattutto a coloro che sono rimasti “orfani” come accade in occasione di un ballottaggio”.

Riguardo all’incontro con Giuseppe Russo, Maurizio Cinque spiega: “Dopo il 5 giugno Giuseppe Russo ha incontrato entrambi i contendenti alla carica di sindaco in vista del ballottaggio (l’altro, come noto, è Andrea Buonocore, ndr), mostrando però maggior apprezzamento per la nostra piattaforma programmatica. La strada dell’apparentamento o di un accordo politico non è stata intrapresa perché i nostri percorsi politici sono ovviamente diversi. Come è stato affermato ufficialmente nelle ultime dichiarazioni alla stampa, Russo ha dunque deciso di sostenerci alla luce del sole ritenendo gli obiettivi del nostro progetto politico più vicini alle istanze raccolte presso il suo elettorato, ovvero la necessità di cambiare e di creare occasioni di lavoro e di sviluppo, valorizzando le risorse del territorio per incrementare il turismo e per migliorare la qualità della vita”.