Capri Watch, fashion accessories

Alla città di Massa Lubrense il premio Spighe Verdi

spighe-verdi-massa-lubrense

MASSA LUBRENSE. Dopo la decima Bandiera Blu, per Massa Lubrense arriva il primo riconoscimento Spighe Verdi per l’agricoltura sostenibile ed il paesaggio della stessa Fee. A ritirare il premio a Roma, presso la sede del ministero dell’Ambiente e la tutela del mare, dalle mani del presidente della FEE Italia Claudio Mazza, il vicesindaco della cittadina della costiera, Giovanna Staiano.

Spighe Verdi è il programma della Fee, la Foundation for Environmental Education, per lo sviluppo rurale sostenibile. Si rivolge ai Comuni che intendono valorizzare e investire sul proprio patrimonio rurale, migliorando le buone pratiche ambientali. Nel rapporto che si crea tra Comune, agricoltori e comunità locale sta il successo di Spighe Verdi, un programma flessibile e adattabile per promuovere buone pratiche ambientali in diversi contesti territoriali. Nel programma Spighe Verdi è centrale il ruolo che ha l’agricoltura nella difesa del paesaggio, nella tutela della biodiversità e nella produzione di alimenti di qualità.

Il Comune, per ottenere la certificazione e il marchio Spiga Verde, deve autocandidarsi seguendo un protocollo in cui è prevista la rispondenza a criteri contenuti di sostenibilità ambientale. La candidatura è volontaria e gratuita e viene esaminata da una Commissione di valutazione nazionale che riunisce esperti provenienti da diversi enti pubblici e privati.

Tredici le località finora insignite del riconoscimento: Agropoli, Positano, Lavagna, Serralunga di Crea, Ostuni, Pisciotta, Caorle, Ragusa, Montefalco, Massa Marittima, Matelica, Castagneto Carducci, Castellina in Chianti.

“Aggiungere alla Bandiera Blu anche le Spighe Verdi conferma che Massa Lubrense costituisce una realtà territoriale unica ma con molteplici ricchezze: ambiente, natura, agricoltura, paesaggio, mare – dichiara il vice sindaco con delega al Turismo, Giovanna Staiano -. Ricchezze tutte racchiuse in un’unica parola chiave: Sostenibilità. Credo tantissimo nel turismo sostenibile e sono convinta che rappresenterà il futuro, pertanto, è doveroso che noi amministratori attuiamo delle buone pratiche ambientali che coinvolgano tutti gli attori locali e in questo caso, anche gli imprenditori agricoli, con i quali condividere politiche di gestione sostenibili del territorio”.

“Siamo contenti per questo ulteriore riconoscimento, proprio nell’anno dichiarato dall’Onu anno internazionale del turismo sostenibile – commenta il sindaco di Massa Lubrense, Lorenzo Balducelli -, soprattutto per il lavoro dei nostri agricoltori che eroicamente salvaguardano il territorio ed il paesaggio mettendo da parte la convenienza economica. Molte volte lo fanno solo per l’orgoglio ed il senso di appartenenza a questa terra meravigliosa che è Massa Lubrense”.