Al via la Rolex Capri International Regatta

rolex-capri-2016-1

E’ iniziata oggi la Rolex Capri International Regatta, organizzata da Yacht Club Italiano, Yacht Club Capri e Circolo Canottieri Aniene con la partnership di Rolex.

L’isola azzurra ha accolto la flotta – imbarcazioni del cantiere Southern Wind Shipyard, Maxi e Classe 950 – con una giornata di cielo soleggiato e un vento regolare di 10 nodi di intensità.

rolex-capri-2016-3

Il Comitato di Regata ha dato lo start alle ore 12 ed ha scelto per i partecipanti un percorso lungo 19 miglia. Dopo un bordo verso Napoli, le barche hanno iniziato la circumnavigazione dell’Isola di Capri, passando davanti ai Faraglioni e girando una boa al largo di Punta Campanella prima di fare ritorno al porto dell’isola.

Questa la classifica provvisoria dopo il primo giorno di regate:

Orc Superyacht
Seawave
Grande Orazio
Whisper
Cape Arrow
Blues
Farewell
Mrs Marietta Cube
L’Ondine
Illusion of the Isles

Irc
Fra Diavolo
Shirlaf
Pegasus
Ilha Solteira
Ummagumma

rolex-capri-2016-2

Le regate proseguono fino a sabato 28 maggio, con il primo segnale di partenza previsto alle 11:30.
Alla Rolex Capri International Regatta partecipano maxi e supermaxi dai 24 metri in su.

Sono presenti a Capri numerose imbarcazioni del cantiere Southern Wind Shipyard – che celebra il suo venticinquesimo anniversario – tra cui una spettacolare flotta di Sw 100 nati dal design Farr-Nauta e lunghi 30 metri: Blues, Cape Arrow, Farewell, Illusion of the Isles, L’Ondine , Mrs Marietta Cube. In regata anche il nuovissimo Seawave, appena varato e lungo 31,42 metri, Grande Orazio, lungo 24 metri e il SW 78 Whisper.

rolex-capri-2016

Tra i Maxi, lo Swan 65 Shirlaf di Giuseppe Puttini, il Mylius 60 Fra Diavolo di Vincenzo Adessi armato dallo Yacht Club Capri con a bordo Paolo Scutellaro alla tattica e Francesco De Vita (entrambi ex Moro di Venezia), l’Advanced Yacht 66 Botta Dritta di Adalberto Miani e il Vallicelli 65 Ilha Solteira di Francesco Piras.

In regata anche i Classe 950 Pegasus di Andrea Goggi e Umma Gumma di Vincenzo Siviero.