Capri Watch fashion & Accessories

Revocato il divieto di balneazione allo Scraio, resta al Purgatorio – video –

VICO EQUENSE/META. L’Arpac ha diffuso i nuovi dati delle analisi effettuate dopo che i precedenti test avevano evidenziato la presenza di batteri fecali oltre i limiti di legge in alcuni punti della penisola sorrentina. In particolare si attendeva l’esito delle verifiche per la zona di Bagni di Scraio di Vico Equense e spiaggia del Purgatorio di Meta, zone per le quali i sindaci dei due Comuni nei giorni scorsi hanno emesso i divieti di balneazione.

I risultati arrivati sono in chiaroscuro. Per quanto riguarda lo Scraio di Vico Equense i valori sono rientrati ampiamente nella norma tanto che già questa mattina il sindaco Andrea Buonocore ha revocato la precedente ordinanza con la quale imponeva lo stop ai tuffi nell’area in questione.

Situazione diversa a Meta. Per quanto riguarda la spiaggia del Purgatorio, infatti, i tecnici dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale hanno rilevato ancora la presenza di enterococchi intestinali ed escherichia coli oltre i limiti di legge in due dei sei campioni prelevati. Per questo motivo la balneazione resta “sconsigliata” ed il sindaco Giuseppe Tito non ha revocato il precedente provvedimento.

Rientra l’allarme anche per le altre due zone sotto osservazione: Scutolo (sempre a Meta) e Punta San Francesco (a Sant’Agnello) dove il precedente esame aveva evidenziato valori anomali di agenti inquinanti in un prelievo su due. Ora è tutto rientrato nella norma.

Bisogna precisare che il nuovo campionamento è stato fatto il 19 giugno, ma il giorno dopo, mercoledì 20, in seguito all’acquazzone che si è abbattuto sulla costiera sorrentina si è verificato un nuovo sversamento nella zona di Meta come si vede dal video che pubblichiamo in basso inviatoci da un lettore. Probabilmente se l’Arpac avesse fatto i prelievi il giorno successivo la situazione sarebbe stata ben peggiore.

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play