Capri Watch fashion & Accessories

La Folgore Massa riparte da coach Esposito

coach_nicola_esposito

La ShedirPharma Folgore Massa riparte da coach Nicola “Ferguson” Esposito. Punto di riferimento per la società, il giovane tecnico costiero non abbandona mai la propria voglia di studiare approfondendo ogni minimo dettaglio del mondo pallavolistico, guadagnandosi con merito la doppia cifra sulla stessa panchina.

Il tecnico si prepara ad iniziare la decima stagione in biancoverde. Dopo la salvezza conquistata senza patemi nel primo, storico campionato di Serie A, il ds Fabrizio Ruggiero non ha avuto alcun dubbio nell’affidarsi alle capacità di Nicola Esposito nella creazione di un gruppo coeso, valorizzando i giovani talenti per continuare a stupire.

Quella che sta per iniziare sarà la tua decima stagione sulla panchina della Folgore: all’interno di un percorso importante, qual è il segreto della tua longevità?
“Sarà un’emozione andare in doppia cifra, raggiungendo il decimo anno di fila con questi colori. Naturalmente sono al settimo cielo: vuol dire che la società ha apprezzato il lavoro svolto nel corso di questo lungo periodo, ed in modo particolare nell’ultima stagione. Mi approccio con grande entusiasmo, e nonostante sia la decima stagione, c’è sempre voglia di far bene e migliorarsi”.

Nel tempo hai reinventato squadre con la tua filosofia. Il lavoro alla base di tutto, ma quali altri aspetti consideri fondamentali nelle tue sessioni di lavoro?
“Prima di tutto, tengo a precisare che i risultati sono il frutto del lavoro di un team ben affiatato. Io rappresento la punta dell’iceberg, ma dietro le quinte ci sono tanti professionisti che lavorano con me. Il merito va condiviso con tutti, anche insieme alla proprietà che ci ha sempre messo a disposizione atleti importanti. È stato un piacere lavorare insieme: ci siamo sempre divertiti, dando sempre il massimo al primo anno in Serie A”.

Il primo anno di Serie A ha visto la Folgore stupire: da matricola, ha mantenuto la categoria prendendosi anche piccole soddisfazioni contro alcune big. Se dovessi fare un bilancio: cosa ti è piaciuto di più e cosa meno, e da dove si riparte?
“Tutto sommato, c’è da essere contenti per quanto abbiamo fatto, perché è stato un anno difficile da affrontare e gestire. Abbiamo acquisito tantissima esperienza, approcciando la nuova categoria come un salto nel buio. Per la prima volta si è riusciti a completare il campionato, per cui non avevamo alcun tipo di modello prestazionale a cui far riferimento. Siamo andati avanti a piccoli passi: l’obiettivo primario era mantenere la categoria, anche se non nascondo che alla fine è rimasto inevitabilmente del rammarico per quel punto maledetto che non siam riusciti a conquistare nelle ultime giornate. Tuttavia c’è soddisfazione per un bilancio che non può non essere positivo. Dagli errori si impara, e siamo già pronti ad affrontare la nuova stagione con grande entusiasmo”.

Con la società si sta costruendo il nuovo roster: quali caratteristiche dovranno avere i tuoi uomini?
“Innanzitutto, voglio anticipare che siamo giunti alla chiusura di un ciclo vincente e ricco di soddisfazioni. Molti atleti che son stati protagonisti della nostra prima stagione in Serie A non proseguiranno il proprio rapporto, e mi sento in dovere di ringraziare ogni atleta che ha dato tutto per difendere questa maglia. Per quanto riguarda il nuovo roster, l’obiettivo è costruire una bella squadra che sappia mostrare una buona pallavolo in grado di far divertire e far innamorare i nostri tifosi. Poi bisognerà osservare il mercato dei nostri avversari, ed in base a quello potremo fissare la nostra asticella”.

L’anno scorso progressivo ritorno alla normalità: quanto sarà importante riavere il pubblico a spingere la squadra?
“Tocchiamo un tasto importantissimo. Siamo stati per un anno in esilio ad Agerola, dove nonostante tutto ci siamo sempre sentiti a casa. Chiaramente ritornare in penisola sarebbe una cosa meravigliosa, perché sappiamo benissimo quanto sia importante il supporto del nostro pubblico, e quanto possa incidere anche in termini di punti in classifica. Mi auguro che al più presto si possano risolvere questi problemi, perché rientrare finalmente a casa avrebbe un sapore decisamente diverso”.

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play