Capri Watch fashion & Accessories

Tampone negativo per il sindaco di Piano di Sorrento

Vincenzo Iaccarino BLSD

PIANO DI SORRENTO. Nei giorni scorsi e risultato che una infermiera in servizio presso l’unità operativa di Cardiologia dell’ospedale di Sorrento è stata contagiata dal Coronavirus. Per questo tutto i sanitari e paramedici del reparto si sono sottoposti a tampone. Tra di loro anche il sindaco di Piano di Sorrento, Vincenzo Iaccarino. Ed è proprio lui a comunicare il risultato del test:

“Cari concittadini sento il dovere di informarvi che mi sono sottoposto insieme ad altri sanitari su disposizione della direzione sanitaria all’esame del tampone per Covid-19 in seguito ad un caso positivo riguardante una infermiera del mio reparto.

In questo momento di emergenza oltre a essere sindaco e a occuparmi dell’amministrazione del nostro paese, svolgo il mio lavoro di medico all’ospedale di Sorrento dove insieme a tanti colleghi, infermieri ausiliari autisti stiamo vivendo il volto sanitario e umano di questa grave situazione in un contesto assolutamente non semplice.

Da poco ho ricevuto l’esito negativo dell’esame. Mi sono sentito in dovere di darvene informazione anche per le tante testimonianze di affetto che ricevo in pubblico e in privato insieme alle preoccupazioni per la situazione che quotidianamente vivo.

Dobbiamo mantenere sempre altissimo il livello di guardia e la nostra salute dipende anche dai nostri comportamenti che devono essere sempre improntati al rigoroso rispetto delle regole stabilite dalla legge per contenere il contagio che resta la principale, se non l’unica vera forma di lotta al Covid-19.

Restate a casa e seguite le norme di comportamento ed igienico sanitarie stabilite dagli organi preposti (Governo, Regione, Asl).
Andiamo avanti su questa strada consapevoli che il senso di comunità rappresenta un’arma decisiva per affrontare e per superare questa prova così drammatica e che nessuno prevedeva di dover vivere.

Stiamo imparando tutti a confrontarci con questo nemico tanto subdolo e aggressivo, sperimentiamo sul campo, quello sanitario e anche di governo dei nostri comuni e del Paese intero, come muoverci per vincere questa battaglia e per ritrovarci uniti ad affrontare il dopo con la premura di dover aiutare soprattutto coloro che vivono le maggiori difficoltà legate al lavoro e al sostentamento familiare. Tutti insieme per il bene comune. Grazie per il vostro affetto e per la vostra collaborazione: andiamo avanti con coraggio e fede. Ce la faremo”.