Capri Watch, fashion accessories

Strada abusiva sul Faito, sequestrata

sequestro-strada-abusiva-faito

VICO EQUENSE. Il blitz dei carabinieri forestali è scattato dopo la denuncia del presidente del Parco dei Monti Lattari Tristano Dello Joio. Un nuovo scempio sul Monte Faito. Una strada abusiva ricavata distruggendo la vegetazione e sbancando terreno.

Il primo a dare notizia del sequestro è proprio il responsabile del Parco attraverso il suo profilo Facebook: “Dalle parole ai fatti. I carabinieri forestali, sotto la guida del comandante Raffaele Starace, hanno posto sotto sequestro preventivo la strada abusiva ricavata alle spalle di un’abitazione in zona Scalinatella, sul versante del Faito che da Castellammare di Stabia procede in direzione Vico Equense. Chi sbaglia deve pagare. Questa è la nostra priorità per porre un freno all’illegalità diffusa su un territorio che merita di essere il fiore all’occhiello della Regione Campania”.

Operazione che ha portato alla luce un nuovo sfregio ambientale sul monte Faito dopo i casi di disboscamento illecito e gli sversamenti illegali di rifiuti e materiali vari, tra i quali anche prodotti pericolosi per la salute umana come l’amianto. “L’Ente Parco dei Monti Lattari continuerà a farsi promotore del rilancio dei territori, anche attraverso azioni di repressione come quella odierna – spiega Dello Joio -, messa a punto dai forestali dopo nostra segnalazione, nella consapevolezza che la tutela di questi luoghi passa attraverso un’opportunità campagna di prevenzione ed educazione al rispetto dell’ambiente.

Il contrasto ai tagli illeciti e agli abusi non si ferma certamente qui. Continueremo a monitorare il territorio e a scoraggiare l’illegalità, in sinergia con le forze dell’ordine e con le associazioni Pro Natura e Avf, sempre presenti per la salvaguardia del Faito, confidando nell’aiuto provvidenziale dei cittadini, a cui chiediamo di denunciare questi scempi e di restare al nostro fianco per dare ulteriore impulso alla rinascita del Faito e di tutte le straordinarie realtà che ricadono nel territorio di competenza dell’Ente Parco”.