Capri Watch fashion & Accessories

Snorkeling a caccia dei segreti della Baia di Ieranto

snorkeling

Snorkeling a caccia del mito delle sirene. E’ quanto si potrà vivere grazie all’appuntamento, organizzato dall’associazione Trentaremi, per mercoledì 9 agosto alle 15:30 al Punta Campanella Diving Center. È da lì che ci si tufferà nel Parco marino per scoprire i segreti degli abissi della Baia di Ieranto. Partendo da Marina della Lobra, si arriva all’insenatura a bordo di un gommone. Un’occasione rara dal momento che si può accedere a Ieranto solo via mare e se in possesso di un’autorizzazione. Un’esperienza riservata a soli 12 partecipanti e aperta anche ai bambini.

La baia di Ieranto è un magico mondo sommerso costellato da grotte, cavità e pareti che si inabissano. Un microcosmo popolato da una miriade di specie esplorate grazie alla guida ambientale Aigae di Punta Campanella Diving Center. La zona è spesso ritrovo di tartarughe marine della specia Caretta caretta che vanno a nidificare in Cilento e che talvolta restano imbrigliate nelle reti dei pescatori e poi liberate.

Nella baia, residenza delle sirene secondo il mito narrato da Omero nella sua Odissea, vive anche una delle piante acquatiche più caratteristiche dell’Area marino di Punta Campanella: Posidonia Oceanica, razziata a lungo dalle ancore delle barche prima che la baia diventasse area naturale protetta. Un animale tipico del Parco è il Gabbiano Corso che svetta sulla costa rocciosa con il suo becco rosso: la sua presenza testimonia la purezza delle acque.

La Baia di Ieranto fino agli anni Venti era una cava di carbone e dopo è diventata un’oasi grazie al Fai che l’ha convertita. A questo tratto di costa della penisola sorrentina è possibile arrivare o con percorsi di trekking via terra o in kayak. Durante la giornata di snorkeling si arriverà eccezionalmente in barca a motore e si sosterà al centro della baia con tre guide a disposizione. Un evento che si ripeterà ciclicamente fino a settembre. Info: 3286521081.