Rubano un casco e provocano un incidente durante la fuga, arrestati dai carabinieri

carabinieri

META. La notte scorsa due uomini di Napoli, di 22 e 25 anni, di cui uno con precedenti per reati inerenti gli stupefacenti, il contrabbando di tabacchi lavorati esteri, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale, sono finiti in manette per il furto di un casco da moto.

 

I due, a Sorrento, nei pressi del bivio del rione Marano, mentre erano a bordo di una Fiat 500, si sono avvicinati ad uno scooter parcheggiato sul ciglio della strada, impossessandosi del casco che era stato lasciato sulla sella. I ladri si sono subito dati alla fuga, ma sono stati inseguiti dal proprietario del motociclo che era nelle vicinanze e si era subito accorto nel furto. Arrivata a Piano di Sorrento, in via dei Platani, nelle immediate vicinanze dell’incrocio con via Cavone, la 500 ha invaso la corsia opposta per sorpassare alcune auto, andando a scontrarsi frontalmente contro un taxi che proveniva dalla direzione opposta di marcia.

Nonostante il violento impatto, né gli occupanti della 500, né il conducente del taxi, riportavano lesioni di alcun tipo ed i ladri hanno continuato la fuga a piedi in direzione di Meta.

I carabinieri dell’aliquota Operativa della compagnia di Sorrento, intanto, informati dell’incidente e del furto, hanno raggiunto la zona e sono riusciti ad individuare e bloccare i due malviventi a Meta, lungo via Cosenza.

Gli arrestati sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza dell’Arma in attesa di affrontare, in mattinata, il rito direttissimo.

RIPRODUZIONE RISERVATA