Capri Watch - Fashion Accessories

Rifiuto dello straordinario, previsti nuovi disagi in Circum

sciopero-bianco-circum

In vista nuovi pesanti disagi per i viaggiatori della Circumvesuviana. Per il prossimo 11 gennaio i capitreno hanno deciso di rifiutare le ore di straordinario e applicare in maniera pignola il regolamento, con la conseguenza che molti treni non partirebbero perché considerati inadatti a viaggiare.

Problemi legati alla cronica mancanza di personale che affligge tutta l’Eav, con l’azienda costretta a ricorrere sistematicamente allo straordinario. Un rifiuto massiccio da parte dei lavoratori farebbe sopprimere le corse per oltre la metà dell’intero orario.

Una forma di protesta che i sindacati chiamano “non collaborazione”, ma che, in realtà, è un’agitazione vera e propria, un modo per aggirare le regole dello sciopero che, nel settore dei trasporti, sono molto rigide e prevedono tempi lunghi.

L’unico modo per evitare i disagi previsti è l’accordo tra azienda e lavoratori nel corso del confronto in programma il 10 gennaio. Numerose le questioni sul tavolo, la più importante delle quali riguarda l’organizzazione del servizio di controllo dei biglietti. In particolare l’istituzione del nucleo di verifiche ispettive, un gruppo di dipendenti Eav che ha il compito di verificare l’operato degli addetti al controllo dei biglietti. In pratica i controllori dei controllori.

Intanto resta il nodo della carenza di organico. In Circumvesuviana lavorano 100 capitreno a fronte di una necessità di 129. I macchinisti, invece, sono 118, quando dovrebbero essere 150. Il ricorso allo straordinario per coprire i turni, quindi, è quotidiano. Per questo si attende l’esito del concorso che porterà all’assunzione di 350 lavoratori a tempo indeterminato, 320 diplomati e 30 laureati.