Piovono calcinacci interdetto il marciapiedi di viale Nizza, commercianti sul piede di guerra

balconi-viale-nizza

SORRENTO. Nel giro di pochi minuti il bordo della carreggiata è stato transennato e le attività commerciali invitate a chiudere i battenti. E’ quanto avvenuto nel tardo pomeriggio di oggi nella zona di viale Nizza, a Sorrento. Gli agenti della polizia municipale, insieme ai volontari della Protezione civile, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza del sindaco Giuseppe Cuomo che dispone l’interdizione di un tratto di marciapiedi della lunghezza di 90 metri ed ampio 5, a partire dalla base del fabbricato.

transenne-viale-nizza

Il dispositivo è stato emanato in seguito al distacco di intonaci e calcinacci dalle pareti e dai balconi dei palazzi che affacciano su questo tratto di viale Nizza. Rischi per la pubblica incolumità evidenziati dai caschi bianchi e dagli operatori della Protezione civile nel corso di un sopralluogo eseguito lo scorso 28 giugno.

In serata, quindi, è stata data esecuzione all’ordinanza sindacale che dispone lo stop al transito pedonale lungo il tratto di marciapiedi tra i civici 1 e 41 di viale Nizza. Anche i commercianti sono stati costretti a chiudere i battenti. Il problema è che il provvedimento non sarà revocato fino a quando non si provvederà ad eseguire i necessari lavori di messa in sicurezza. Ciò significa che per diversi giorni anche le attività che sorgono nella zona non potranno operare.

“E’ una situazione assurda, soprattutto in questo periodo della stagione estiva – commentano alcuni dei titolarti di attività di viale Nizza -. Siamo costretti a chiudere i battenti, non si sa per quanti giorni, perché i condomini non eseguono i lavori di manutenzione al fabbricato. Ovviamente la sicurezza dei nostri clienti è il fattore che ci sta più a cuore, però chiediamo al sindaco di fare in modo che i lavori vengano eseguiti nel giro di pochi giorni, altrimenti per noi sarà un disastro”.