Ospedale di Sorrento, da domani ridotti i posti letto

Sorrento_ospedale

SORRENTO. La sanità pubblica della penisola sorrentina ancora vittima dei tagli alle spese. Da domani, infatti, l’unità operativa di Chirurgia dell’ospedale di Sorrento sarà accorpata all’Ortopedia con una dotazione di soli 5 posti letto e l’obbligo di svolgere esclusivamente attività d’urgenza ed emergenza.

La nuova organizzazione dei reparti è stata resa nota ieri dal direttore sanitario degli ospedali riuniti della penisola sorrentina, Mauro Muto, ed ha colto di sorpresa il personale medico e paramedico costretto a trasferirsi dal primo piano interrato al terzo con la conseguente chiusura della Chirurgia che, tra l’altro, era stato inaugurato con una solenne cerimonia il 4 dicembre 2012 quando a dirigerlo era il primario Bruno Antonelli, mentre ora è diretto da Pietro Gnarra.

La decisione è legata, come si legge nel provvedimento, “alla grave carenza di personale dell’area del comparto afferente le unità operative compresse di Chirurgia e Ortopedia del plesso di Sorrento”. La Chirurgia, quindi, da domani disporrà di soli 5 posti letto dedicati al terzo piano del Santa Maria della Misericordia.

Sulla nuova distribuzione degli spazi non è d’accordo il responsabile della Chirurgia, Pietro Gnarra, il quale con una nota evidenzia come il provvedimento “sia stato adottato senza la sua obbligatoria e preventiva consultazione specificando che la Chirurgia non ha alcuna carenza infermieristica e neppure difficoltà di gestione del periodo feriale o delle emergenze del personale addetto. Inoltre il reparto è occupato dai pazienti quasi al 100% e il provvedimento come adottato costituisce grave minaccia per la tutela della salute degli ammalati siano essi residenti o turisti”.

Oggi, intanto, è in programma una riunione dei sindaci della penisola sorrentina per approvare un documento con il quale si invita il direttore sanitario, il commissario dell’Asl Napoli 3-Sud ed il governatore De Luca a rivedere la decisione e a garantire il regolare funzionamento del reparto. “I sindaci non possono restare inerti di fronte a provvedimenti che rischiano di penalizzare fortemente l’utenza che vive sempre con maggiore disagio il rapporto con la sanità pubblica soggetta a continue restrizioni”, commenta il neo primo cittadino di Piano di Sorrento e medico del reparto di Cardiologia dell’ospedale di Sorrento, Vincenzo Iaccarino.