Nuovi ormeggi a Marina del Cantone nel rispetto dell’ambiente

marina-del-cantone

MASSA LUBRENSE. Da stamattina è operativo il campo ormeggio delle Mortelle, zona B dell’area marina protetta di Punta Campanella. La svolta tanto attesa è finalmente arrivata. Il campo ormeggio è una struttura fondamentale in un’area marina protetta perchè consente la fruizione del parco marino, nel rispetto dei fondali e della pesca tradizionale. Le boe sono 30 e si trovano a poche centinaia di metri da Marina del Cantone.

Sono state installate per salvaguardare le praterie di posidonia e permetteranno alle imbarcazioni, previo il pagamento di un tiket molto economico, di ormeggiare in tutta sicurezza e senza creare danni ai fondali, in un luogo bellissimo e finora inaccessibile.

Innovazione e tradizione vanno dunque a braccetto nell’area marina protetta di Punta Campanella. Una svolta, caldeggiata anche dal Ministero dell’Ambiente, che renderà fruibile l’area protetta in modo sostenibile e legale, e che traccia la strada verso un turismo responsabile ed ecocompatibile.

“Una svolta epocale per il Parco e per Massa – sottolinea il sindaco di Massa Lubrense, Leone Gargiulo. – Con le boe alle Mortelle daremo l’opportunità alle imbarcazioni di ormeggiare in una zona molto bella, senza compromettere le secolari tradizioni di pesca e, soprattutto, salvaguardando l’ambiente che è la nostra priorità assoluta. Per questo ringrazio il parco, che ha saputo portare avanti questo importante progetto che riqualifica tutta l’area. Se l’esperienza di Mortelle sarà positiva – conclude il sindaco – potremmo pensare di installare campi ormeggio anche in altri luoghi del parco”. Soddisfazione anche da parte dei vertici dell’area marina protetta. “Lavorando insieme e rispettando le varie esigenze si ottengono sempre buoni risultati – sottolinea il presidente del parco, Davide Gargiulo – Con il campo boe di Mortelle si apre finalmente una fase nuova per l’area marina, improntata ad una tutela dell’ambiente che si concili sempre più con un turismo ecocompatibile e sostenibile.”