Ordinanza contro l’accattonaggio: scatta il divieto a Sorrento

accattonaggio

SORRENTO. Da oggi è vietato esercitare attività di accattonaggio sull’intero territorio comunale di Sorrento. Lo stabilisce un’ordinanza firmata dal sindaco, Giuseppe Cuomo. Particolare attenzione dovrà essere riservata, dalla polizia locale e dalle forze dell’ordine, ai controlli nelle aree vicine ad edifici di culto, ospedale, stazione ferroviaria, porto, cimitero, parchi e parcheggi, dove più frequente è la presenza di persone intente a mendicare.

Le sanzioni amministrative, previste per eventuali violazioni, vanno dai 25 ai 500 euro. Il denaro, provento di elemosine, sarà inoltre confiscato e devoluto alla Caritas di Sorrento.

“Da tempo la nostra città è diventata meta di persone che elemosinano denaro e spesso, per muovere a pietà i passanti, non esistano a sfruttare bambini e animali – spiega il sindaco Cuomo – Si tratta di un provvedimento sollecitato da numerosi cittadini e portato anche all’attenzione dell’ultima seduta del consiglio comunale, dal consigliere Antonino Maresca. E’ nostro dovere tutelare il decoro e la sicurezza della nostra città, sia nei confronti dei residenti che in considerazione della vocazione turistica del territorio”.