Capri Watch fashion & Accessories

La marineria della penisola piange il comandante Luigi Savarese

luigi-savarese

Profondo cordoglio in penisola sorrentina per la morte del comandante Luigi Savarese, uno dei più autentici interpreti della storia della marineria sorrentina. Ieri si sono tenuti i funerali nella chiesa di Sant’Agnello e tantissime persone si sono strette intorno alla moglie Maria ed ai figli Alberto, Giuseppina, Angela e Paola a testimonianza del grande affetto che accompagna la famiglia Savarese.

Luigi Savarese, 87 anni, si era diplomato al nautico “Nino Bixio” di Piano di Sorrento e subito dopo aver percorso per intero la carriera marittima aveva deciso di mettersi in proprio cominciando quella scalata che tanti importanti armatori sorrentini hanno percorso. Una volta il passo successivo all’assumere il comando di una nave era quello di comprare la nave. Tutti i grandi armatori sorrentini, da Achille Lauro a Gianluigi Aponte hanno percorso questa strada insieme con tanti altri che, pur non raggiungendo i traguardi dei grandi, hanno saputo comunque tramandare alle giovani generazioni l’amore per il mare.

Sono gli armatori puri, quelli di cui piano piano si stanno perdendo le tracce. Oggi i comandanti vanno a fare i manager nelle grandi compagnie di navigazione e quasi nessuno accetta la sfida del mercato libero. Luigi Savarese invece, la sfida l’accettò, eccome. Il primo passo fu quello di fondare con altri soci, la Navigazione Libera del Golfo, una compagnia che ancora oggi è tra le più attive nel Golfo di Napoli. Successivamente, con un altro armatore sorrentino, Mariano Pane, fondo la Italmare, una società che in pochi anni riuscì a conquistare rotte importanti e a mettere in mare una flotta di tutto rispetto.

Savarese era il braccio operativo tecnico della compagnia che aveva la sede in via delle Rose a Piano di Sorrento: la sua esperienza in mare e una profonda conoscenza delle navi e delle tecniche di navigazione, si rivelarono indispensabili per la crescita di Italmare. La vita di questa compagnia, comunque, fu funestata dalla terribile tragedia del Marina d’Aequa. Luigi Savarese, però, non ha mai mollato. E così dopo la Italmare fondò la Euromar. Lavoro e famiglia. Luigi Savarese ha dedicato tutta la sua vita a questi pilastri della sua esistenza. E per lui il lavoro era il mare, solo e soltanto il mare.

Alla famiglia Savarese le condoglianze della redazione di SorrentoPress.