Incidenti mortali in aumento in tutta la provincia di Napoli

incidente-tunnel-seiano-4settembre2015

Peggiora la condizione della sicurezza stradale in provincia di Napoli che, nell’arco di un anno, ha visto un deciso incremento degli incidenti, dei morti e dei feriti. Secondo gli ultimi dati ACI-Istat, nel 2016, nell’area metropolitana di Napoli lo scorso anno sono stati rilevati 5.140 incidenti (+5,5% rispetto al 2015), con 91 morti (+5,8%) e 7.373 feriti (+5,9%). Si tratta di valori che si discostano sensibilmente dalla media nazionale. Nel periodo considerato in Italia si sono registrati 175.791 sinistri stradali (+0,7%) da cui sono derivati 3.283 morti (-4,2%) e 249.175 feriti (+0,9%).

Rispetto all’obiettivo europeo del dimezzamento del numero delle vittime della strada nel decennio 2010-2020, il territorio della provincia partenopea, così come la stessa Italia, mostra un deciso ritardo. Benché, infatti, i morti dal 2010 al 2016 risultino in diminuzione dell’11% nella provincia di Napoli e del 20,2% in Italia siamo, comunque, lontani dalla media del 5% annuo che si dovrebbe tenere per giungere all’obiettivo finale del 50% nel 2020.

La guida distratta, dovuta soprattutto all’uso del cellulare da parte dei conducenti, è la principale causa degli incidenti registrati nell’area metropolitana (30,4 per cento), ma è l’alta velocità la maggiore responsabile dei sinistri mortali (47,1% nella provincia). Il venerdì è il giorno con il più elevato numero di morti (21 in tutta la provincia), mentre la fascia oraria più a rischio è quella notturna (dalle 22 alle 6) con 27 decessi nell’area metropolitana. Il 29,7% delle vittime ed il 40,8% dei feriti rilevati nella provincia partenopea hanno meno di 30 anni.

Riguardo ai veicoli coinvolti, i più esposti si confermano i mezzi a due ruote. A livello provinciale, infatti, spicca l’elevato rischio di mortalità delle biciclette (6,91). Dopo Napoli, il comune dell’area metropolitana con il maggior numero di incidenti e feriti è Pozzuoli (rispettivamente 199 e 314); quello con la più elevata quantità di morti è Giugliano in Campania (11).