Il Comune fa causa al Sorrento Calcio 1945

stadio-italia-sorrento

SORRENTO. Il mancato pagamento dei canoni per l’utilizzo del campo Italia. E’ questa la motivazione che ha spinto l’amministrazione comunale ad intentare una vertenza giudiziaria nei confronti del Sorrento Calcio 1945. Il Comune chiede la restituzione di 150mila euro di crediti che vanta nei confronti della società. Oltre agli interessi, ovviamente.

Si tratta dell’ennesima, pesante, tegola che si abbatte sul club gestito dal patron Damiano Genovese che si ritrova già in grosse difficoltà, sia dal punto di vista sportivo, che da quello amministrativo.

La squadra, infatti, milita nel campionato di Eccellenza, è fanalino di coda del proprio girone con soli 2 punti e si avvia alla quarta retrocessione consecutiva. Ma oggi, oltre a un’inquietante agonia tecnica e gestionale, si affianca anche la mazzata dal Comune di Sorrento. Che per i fitti non corrisposti per il campo, già alcuni mesi fa, revocò l’autorizzazione alla società per svolgere partite e allenamenti allo stadio Italia..