Il Comune assume grazie ai “Buoni lavoro”

buonilavoro

VICO EQUENSE. L’amministrazione comunale offre opportunità occupazionali attraverso l’acquisto di “buoni lavoro”.

 

 

L’iniziativa era già stata intrapresa con successo nel 2012. Per cui quest’anno il sindaco Gennaro Cinque ed i suoi collaboratori hanno deciso di riproporla formando graduatorie, di durata annuale, rivolte esclusivamente ai cittadini residenti nel Comune equano. Il progetto si basa sulle possibilità offerte dalla legge Biagi e permette, in un momento di crisi come quello attuale, di conciliare l’occupazione e l’esigenza di reclutamento del personale (sottoposta a limiti) da parte degli Enti pubblici.

Al bando possono accedere i cassintegrati ed i lavoratori in mobilità, gli studenti, i disoccupati di lunga durata, i volontari, gli anziani che si cimentano in lavori agricoli, assistenziali, domestici, commerciali e turistici. Si tratta di lavoro occasionale di tipo accessorio, che viene remunerato con i “buoni lavoro”. Con una delibera di Giunta del 2012, l’amministrazione comunale ha deciso di acquistare i ticket da utilizzare per offrire occasioni d’impiego e d’integrazione del reddito a soggetti che sono usciti o non ancora entrati nel mondo del lavoro. Il bando è indirizzato a inoccupati, non percettori di misure di sostegno del reddito (es. disoccupazione ordinaria e straordinaria, cassa integrazione e mobilità). L’avviso, pubblicato nei giorni scorsi, è rivolto alla predisposizione di graduatorie specifiche: personale amministrativo, operaio e di quello addetto alla somministrazione di cibi e bevande.

Il pagamento delle prestazioni di lavoro occasionale accessorio avviene attraverso il meccanismo dei “buoni lavoro”, il cui valore nominale è pari a 10 euro l’ora. Il valore nominale è comprensivo della contribuzione (che ammonta al 13 per cento) della gestione separata Inps, che è accreditata sulla posizione individuale contributiva del prestatore, di quella in favore dell’Inail per l’assicurazione anti-infortunistica (7%) e di un compenso al concessionario (Inps) per la gestione del servizio (5%). Il corrispettivo netto della prestazione è quindi pari a 7 euro e 50 centesimi l’ora. Gli importi concernenti i “buoni lavoro” possono essere riscossi da parte del prestatore presso qualsiasi ufficio postale del territorio nazionale. Le domande per accedere alle graduatorie dovranno essere presentate entro l’11 gennaio 2013. “Indubbiamente – sottolinea il sindaco Cinque – non sarà la terapia per la disoccupazione o per la piaga del lavoro nero, ma il sistema dei ticket è uno degli strumenti che meglio si adatta alle iniziative di solidarietà istituite dal Comune di Vico Equense”.