I prodotti della costiera al Salone del Gusto di Torino

salone-del-gusto

La Condotta Slow Food Costiera Sorrentina e Capri protagonista alla XII edizione di Terra Madre, il Salone internazionale del Gusto, in scena a Torino da oggi a domenica, con i suoi prodotti più rappresentativi: il limone e le arance di Sorrento, le amarene dei Colli di San Pietro, la noce della penisola sorrentina, che in quest’occasione viene ufficialmente proclamata presìdio Slow Food, a far compagnia al carciofo violetto di Castellammare di Stabia, già riconosciuto come presìdio.

I portavoce delle bontà della costiera sono Mario Persico de L’Antico Casale, Nello D’Esposito di Miele D’Angelo e Bruno Maresca di O’ Professore 1912, tre aziende di Piano di Sorrento che al Salone del Gusto rappresenteranno anche la cittadina marinara, che ha patrocinato la loro partecipazione, insieme alla Condotta Costiera Sorrentina e Capri. Con i produttori di Sorrento ci saranno anche Pasquale Pane e Saverio Di Ruocco degli Orti di Schito, che coltivano con passione il violetto di Castellammare.

Le aziende della penisola che partecipano alla kermesse di Torino fanno parte della “famiglia” del Mercato della Terra, che ogni seconda domenica del mese si svolge a Piano di Sorrento, e a Terra Madre hanno una loro postazione lungo la via dei Mercati. A raccontare la noce sarà invece Luisa Miniero, produttrice di Vico Equense, che si è battuta in prima persona insieme alla sua condotta affinché questo prodotto fosse riconosciuto come presìdio, in maniera da essere tutelato e valorizzato.

Nello spazio riservato alla birra ci sarà il Birrificio Sorrento, che usa i prodotti della costiera per aromatizzare le sue bionde e ambrate. E ancora Franca di Mauro, uno dei cuochi dell’Alleanza della condotta sorrentina, con il suo Cellaio di Don Gennaro, delizierà i palati dei presenti con la famosa pastiera di fagioli butirri, altro prodotto identificativo della costiera.

Terra Madre, il Salone del Gusto è tra le manifestazioni sul cibo più importanti al mondo, che unisce i produttori di piccola scala dell’intero pianeta, che quotidianamente portano avanti i valori del buono, pulito e giusto. Agricoltori, allevatori, pescatori, trasformatori promuovono una nuova idea di gastronomia, volta a difendere l’ambiente, la biodiversità e le tradizioni locali.

Incontri, degustazioni, laboratori e dibattiti per dar voce e visibilità ai piccoli produttori, con l’intento di provare a cambiare il sistema che non li protegge. Molti di questi momenti avranno come protagonisti i produttori e i prodotti della nostra bella penisola sorrentina, nello specifico tre laboratori dedicati rispettivamente al limone, all’amarena e alla noce, guidati dall’agronomo Alessandra Balduccini.

Infine il Fiduciario della Condotta Costiera Sorrentina e Capri, Mauro Avino, in qualità di responsabile dei Mercati della Terra, condurrà una conferenza dal titolo “Progetto Europa Centrale”, in programma domani a partire dalle ore 14, e incentrata sull’attuale tema dei mercati, dove porterà come esempio virtuoso quello della Città di Piano di Sorrento, il primo del Sud Italia, che di recente ha festeggiato il suo quarto compleanno.