Giornate Fai di Primavera, protagonisti i tesori di Sorrento e Massa Lubrense

regina-giovanna

SORRENTO. Il 24 e 25 marzo è in programma la 26ma edizione delle Giornate Fai di Primavera, una grande festa dedicata alla bellezza dell’Italia, con oltre mille i luoghi aperti in tutto il Paese, di cui più di 80 in Campania.
Quest’anno anche il Comune di Sorrento partecipa all’iniziativa del Fondo Ambiente Italiano, con la possibilità di visitare tre siti: la Basilica di Sant’Antonino, il Bastione di Parsano e la Villa Romana del Capo di Sorrento.

basilica-sant'antonino

Alla Basilica di Sant’Antonino la visita sarà accompagnata, in qualità di “apprendisti ciceroni” del Fai, dagli studenti dell’Istituto polispecialistico “San Paolo” di Sorrento, al Bastione di Parsano dall’associazione Peninsula Felix ed alla Villa Romana dei Bagni della Regina Giovanna del Capo di Sorrento dai ricercatori dell’Università di Berlino “Umboldt”. Venerdì 23 marzo, inoltre, presso il Palazzo Municipale, alle ore 16, i ricercatori dell’ateneo tedesco, guidati dal professor Stephan Schmid, esporranno il risultati delle campagne di scavo eseguite dal 2014 al 2017.

Bastione-di-Parsano

In penisola sorrentina sono previsti appuntamenti anche a Massa Lubrense, dove insieme alla Baia di Ieranto – unico bene di proprietà Fai in Campania – sarà possibile visitare la Chiesa del Santissimo Salvatore nel borgo di Schiazzano, grazie alla disponibilità degli studenti dell’Istituto Compensivo “Bozzaotra” di Massa Lubrense.

Baia di Ieranto

“La partecipazione alle giornate organizzate dal Fai favorisce la crescita e l’attenzione rivolta ai beni culturali ed ambientali presenti nella nostra città – spiega il consigliere comunale Luigi Di Prisco -. Con questa sinergia avviamo un nuovo percorso finalizzato ad aumentare l’offerta culturale, non solo per i turisti, ma anche per i nostri concittadini”.
Maggiori informazioni all’indirizzo https://www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-di-primavera/i-luoghi-aperti/?text=sorrento