False dichiarazioni e documenti contraffatti per una truffa bancaria da 18mila euro a Sorrento

carabinieri-1

SORRENTO. Questa mattina, i carabinieri di Sorrento, supportati dai colleghi del reparto territoriale di Aversa, hanno notificato un’ordinanza cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura della Repubblica per i reati di possesso e fabbricazione di documenti falsi, sostituzione di persona, tentata truffa e false dichiarazioni sull’identità a Ferrara Carlo, 58enne di Trentola Ducenta, già noto alle forze dell’ordine (arresti domiciliari) e a Giovinazzo Donato, 68enne di Aversa, incensurato (obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria).

L’indagine, condotta dai carabinieri e coordinata dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, è stata avviata nel settembre scorso, quando, a Sorrento, i due, unitamente ad una donna, furono sorpresi dai militari, presso la filiale di una banca del posto, mentre tentavano di compiere un bonifico bancario di oltre 4.600 euro da un conto corrente ad un altro, esibendo documenti identificativi falsi.
Nell’occasione, Ferrara fu trovato in possesso di una carta bancomat intestata ad un’altra persona, la stessa titolare del conto corrente sul quale i malviventi avevano tentato di trasferire il denaro.
Inoltre, le indagini dei carabinieri hanno permesso di appurare che i due truffatori avevano già compiuto, in altre quattro occasioni, nel mese di agosto scorso, identiche operazioni bancarie illecite, sempre del medesimo importo di circa 4.600 euro ciascuna, per un totale di oltre 18mila euro, presso una banca di Gaeta (LT), in danno sempre dello stesso conto corrente.