Dossier dell’opposizione: “A Vico Equense la tassa sui rifiuti è troppo cara”

VicoEquenseMunicipio

VICO EQUENSE. Dopo l’illuminazione pubblica la Tarsu. A Vico Equense si fanno i conti in tasca all’amministrazione ed emergono dati allarmanti che poi si riflettono in maggiori esborsi per i cittadini. Ieri al centro della discussione c’era l’illuminazione pubblica, con cifre record pagate dal Comune per la manutenzione e l’alimentazione dei punti luce cittadini. Oggi, invece, l’attenzione si focalizza sui costi per la gestione del ciclo dei rifiuti.

L’analisi in merito elaborata dai consiglieri di minoranza de “In movimento per Vico” sugli ultimi 4 anni di gestione del servizio di raccolta dei rifiuti parla chiaro: più spese e meno servizi per i residenti. “Ci lascia perplessi la scelta, risalente al 2010, di uscire dalla società pubblica Terra delle Sirene – spiega Natale Maresca – e il conseguente appalto vinto dalla società Sarim. All’epoca la decisione fu giustificata dal risparmio che avrebbe ricavato il Comune. Oggi i dati dicono il contrario: non c’è stato alcun vantaggio economico per l’ente, anzi dai 3milioni e 700mila euro spesi nel 2010 con Terra delle Sirene, si è passati a 4milioni e 100mila euro nel 2013 con la Sarim,. Ciò mentre le tasse che i cittadini pagano sono aumentate notevolmente. La Tarsu del 2012 è pari a 3,27 euro al mq, una cifra molto più alta rispetto alle altre città della penisola; a Sorrento, infatti, è pari a 2,10 euro”

Il dossier dell’opposizione ha alimentato la discussione nel corso dell’incontro pubblico promosso dai consiglieri Aldo Starace, Natale Maresca, Claudia Scaramellino, a cui ha preso parte anche il sindaco Gennaro Cinque. “Chiediamo l’istituzione di una commissione d’indagine – continua Maresca – che faccia luce sulla situazione a tutela dei diritti dei cittadini. Invitiamo, inoltre, il Consiglio comunale a leggere la nostra analisi e a impegnarsi nel mettere in pratica azioni finalizzate a un risparmio per la popolazione”. Sul caso è in corso anche un’inchiesta della magistratura dopo l’esposto presentato alla procura di Torre Annunziata dai consiglieri de “In movimento per Vico”.

“Condivido la proposta di creare una commissione a riguardo – ha affermato il sindaco Gennaro Cinque – ma devo fare qualche precisazione. L’aumentata spesa per la gestione rifiuti è dovuta all’integrazione da part-time a full-time degli operai, agli aumenti dei costi di carburanti e al maggior impiego del numero di mezzi in servizio. Senza contare che l’attuale gestione prevede più servizi rispetto a quella del 2010”.
Ma “tante attività inserite dalla società nell’offerta tecnica – ha concluso Natale Maresca – non sono mai state espletate. Per non parlare dei guadagni per il Comune derivanti dalla differenziata. I ricavi con Terra delle Sirene erano pari a 310mila euro, nel 2013 con Sarim c’è stato un calo di 60mila euro”.