Capri Watch, fashion accessories

Donna morta all’ospedale di Sorrento, sei medici indagati

ospedalesorrento-piccola

SORRENTO. Sei medici iscritti nel registro degli indagati per la morte di Antonietta Cavallaro, la 66enne di Casola di Napoli deceduta giovedì scorso all’ospedale di Sorrento. Si tratta di tre camici bianchi del “De Luca e Rossano” di Vico Equense e di altri tre in servizio al “Santa Maria della Misericordia”.

La donna era stata ricoverata al presidio di Vico Equense il 10 gennaio per essere sottoposta ad un intervento che non sembrava presentare particolari difficoltà: l’asportazione della colecisti. Ed infatti in un primo momento il decorso post-operatorio risultava essere nella norma. Poi, però, per la 66enne sono sopraggiunti forti dolori addominali tanto che il 12 gennaio è stato deciso il suo trasferimento al “Santa Maria della Misericordia”.

Presso la struttura sanitaria di Sorrento la paziente è stata sottoposta a tac addominale che ha rivelato una sospetta perforazione intestinale. Subito si esegue un nuovo intervento chirurgico con il successivo ricovero nel reparto di Rianimazione. Ma la situazione non migliora e giovedì mattina Antonietta Cavallaro muore.

Dopo il decesso uno dei figli di Antonietta Cavallaro sporge denuncia ai carabinieri che acquisiscono la cartella clinica mentre la salma è stata portata presso l’obitorio del cimitero di Castellammare di Stabia a disposizione della Procura della Repubblica di Torre Annunziata che martedì prossimo conferirà al medico legale l’incarico di eseguire l’autopsia.

Nel frattempo anche l’Asl Napoli 3-Sud sarebbe pronta ad aprire un’inchiesta interna per accertare eventuali responsabilità degli operatori sanitari coinvolti nella vicenda.