De Luca inaugura il depuratore di Punta Gradelle: “Ma non basta”

inaugurazione-depuratore-punta-gradelle-de-luca-1

VICO EQUENSE. “Siamo passati dall’emergenza dei liquami che finivano in mare alle Bandiere Blu. Abbiamo fatto tanto. Ma non basta. Dobbiamo proseguire a dare il massimo per il rilancio della risorsa mare”. È quanto ha dichiarato ieri il governatore della Campania Vincenzo De Luca all’inaugurazione ufficiale del nuovo depuratore consortile di Punta Gradelle.

Il presidente della Regione ha effettuato un sopralluogo nell’impianto di Vico Equense in gestione alla Gori entrato ormai in funzione da un anno. Al suo fianco sindaci e assessori dei sei comuni della costiera sorrentina e i vertici della società Gori.

inaugurazione-depuratore-punta-gradelle-de-luca

“Non più di due anni fa eravamo finiti sulle prime pagine dei giornali per lo sversamento di liquami in mare – ha detto ancora De Luca -. Nel giro di poco tempo ci siamo rimboccati le maniche per compiere importanti passi in avanti per l’ambiente. In tal senso è stato completato il depuratore di Punta Gradelle. Si tratta di una realtà di qualità che rappresenta la conferma del fatto che stiamo procedendo a risolvere il problema strutturale alla base della questione mare. La depurazione delle acque è un grande servizio di civiltà che con la ristrutturazione delle fogne e la lotta agli scarichi abusivi diviene fondamentale anche in ambito turistico”.

Di sicuro l’entrata in funzione del depuratore non significa che l’emergenza è passata, anzi. Proprio l’acquazzone di ieri mattina ha provocato nuovamente la comparsa nel mare della penisola di chiazze scure evidentemente provocate dagli scarichi degli overflow. Senza dimenticare che nelle scorse settimane sono stati comunque emessi divieti di balneazione in costiera e l’acqua decisamente non è sempre cristallina.