Capri Watch, fashion accessories

Crociere a Sorrento, meno navi ma più passeggeri in città

crociere-sorrento

SORRENTO. Defezioni e disdette riducono del 15 per cento il numero degli arrivi rispetto alle attese, anche se tutto sommato si conferma il trend del 2017. La stagione delle crociere a Sorrento si è conclusa prima del previsto e senza raggiungere il traguardo delle 114 unità come da previsioni. Un quadro negativo al quale fa da contraltare il consistente incremento dei passeggeri sbarcati.

Ma andiamo per ordine. In base alle prenotazioni di accosti al largo di Marina Piccola inviate nei primi mesi del 2018 ai locali uffici della Capitaneria di porto dagli agenti marittimi si rilevava un aumento delle navi in arrivo del 16 per cento circa rispetto al 2017, quando un totale di 98 alberghi galleggianti ha gettato l’ancora davanti alle coste della penisola sorrentina. Alla fine, però, ci si è attestati quasi sullo stesso numero dell’anno scorso con l’arrivo di 97 natanti.

Ad incidere sul taglio degli approdi rispetto a quanto previsto, come fanno sapere dall’ufficio locale marittimo di Sorrento guidato dal comandante Enrico Staiano, sono state soprattutto le avverse condizioni meteo marine in alcuni momenti della stagione e la decisione degli agenti di dirottare verso porti più tranquilli molte delle unità in arrivo tra fine ottobre ed il mese di novembre.

A Sorrento, infatti, le navi devono gettare l’ancora a diverse centinaia di metri dallo scalo portuale di Marina Piccola e sbarcare i passeggeri che intendono partecipare alle escursioni verso le perle della Campania (Amalfi, Positano, Ercolano, Pompei, Napoli) o che vogliono visitare la città, servendosi dei tender in dotazione. Operazione alquanto complessa in caso di cattivo tempo e mare agitato. Per questo a fine stagione, quando le previsioni annunciano condizioni poco adatte, gli agenti marittimi preferiscono far approdare le crociere in porti più ampi e sicuri come possono essere quelli di Napoli o Salerno.

Ciononostante un dato incoraggiante emerge: il consistente incremento dei croceristi che hanno approfittato dello scalo a Sorrento per scoprire i tesori della sua penisola. Sempre in base ai dati forniti dalla Guardia Costiera risulta che quest’anno sono poco meno di 80mila i passeggeri sbarcati a Marina Piccola (79mila 794 per la precisione). Nel 2017, invece, sebbene il numero delle navi arrivate in costiera sia stato sostanzialmente lo stesso, i turisti scesi dalle unità in rada sono stati appena 55mila 561. Un dato decisamente positivo, soprattutto per i negozianti della città, visto che durante le escursioni i croceristi si dedicano allo shopping tornando a bordo con souvenir e prodotti tipici del territorio.