Capri Watch fashion & Accessories

Coronavirus. Le disposizioni per le messe della diocesi di Sorrento-Castellammare

comunione-mano

Anche la Chiesa della diocesi di Sorrento-Castellammare di Stabia si organizza per affrontare l’emergenza Coronavirus. Per ridurre i rischi di contagio tra  fedeli sono state adottate alcune misure relative alle celebrazioni. Il vicario generale Mario Cafiero ha poi sintetizzato le indicazioni formulate dall’arcivescovo Francesco Alfano in una lettera inviata a tutti i rappresentanti del clero diocesano.

Di seguito la nota:

Ai parroci, ai Rettori di chiese e di santuari ai sacerdoti, ai religiosi dell’arcidiocesi,
considerate le richieste pervenute a codesta Curia in merito all’emergenza Coronavirus (Covid-19), e in ottemperanza alle normative che tutti riceviamo in ordine agli atteggiamenti da assumere per meglio circoscrivere l’eventuale contagio, vi ricordo le indicazioni che l’arcivescovo ha formulato a voce nell’incontro del clero del 25 febbraio scorso e che in forma del tutto prudenziale assumiamo anche per le nostre celebrazioni e le diverse attività pastorali.
Durante la celebrazione eucaristica tralasceremo lo scambio del segno di pace e inviteremo i fedeli a ricevere la santa Comunione sulla mano. Non si tralasci però la possibilità di dare “un senso” alle scelte: innanzitutto evidenziando il valore forte di ogni eucarestia come invocazione della pace sul mondo e nel cuore degli uomini ed invitando a riscoprire, nel gesto della comunione ricevuta sulle mani, la piena accoglienza di un dono che viene fatto alla Chiesa e a ciascuno dei suoi figli.
Avremo inoltre cura di lasciare le acquasantiere vuote.
Per quanto riguarda le attività pastorali si abbia cura di evitare assembramenti in spazi chiusi fino al 15 marzo.
Forti nella preghiera personale e comunitaria, incoraggiati dalla speranza che riceviamo dal Vangelo, e uniti nella carità fraterna, procediamo nel cammino quaresimale invocando dal cuore del Padre il bene per tutti gli uomini.