Capri Watch - Fashion Accessories

Consiglio comunale di Sorrento: Marco Fiorentino o paga o lascia

marco-fiorentino

SORRENTO. Il Consiglio comunale ha dato il via alla procedura di contestazione dell’incompatibilità dell’ex sindaco Marco Fiorentino con la carica di consigliere. Il voto è arrivato dopo un acceso botta e risposta tra maggioranza ed opposizione. La questione all’origine della decisione dell’assemblea è quella della tragedia del primo maggio 2007, quando il cestello della gru della ditta che stava montando le luminarie all’esterno della Basilica di Sant’Antonino travolse e uccise due donne, l’86enne Claudia Fattorusso Morelli e sua nuora, la 50enne Teresa Reale.

Per quei fatti Fiorentino, all’epoca sindaco, è stato condannato dal Tribunale di Napoli a versare al Comune un sesto della provvisionale anticipata dall’ente ai parenti delle vittime. Si tratta di 108mila euro. Per questo motivo l’ex primo cittadino di Sorrento sarebbe incompatibile con la carica di consigliere, così come stabilito di recente anche dal ministero dell’Interno secondo il quale Fiorentino deve pagare o bloccare l’esecutività della sentenza, altrimenti c’è la decadenza.

È per questo che l’attuale esponente della minoranza ha recentemente presentato appello contro la pronuncia del Tribunale. Nonostante ciò il Consiglio ha avviato la procedura di contestazione dell’incompatibilità col voto compatto della maggioranza al quale si è aggiunto quello del capogruppo del Pd Rosa Persico. Adesso Fiorentino ha dieci giorni per estinguere il debito o formulare osservazioni; qualora scegliesse di non pagare, sarebbe il civico consesso a dichiarare la sua decadenza dalla carica.