Bimbo si ferisce al parco giochi, paura a Vico

parco-giochi-san-ciro

VICO EQUENSE. Gioca su una giostra, cade e si taglia con il filo di ferro della recinzione. Per fortuna la ferita non è grave: i medici del pronto soccorso del De Luca e Rossano gli applicano un punto di sutura alla testa nella parte vicino all’orecchio. Vittima dell’incidente è un bambino di sette anni che si trovava in compagnia della nonna nel parco giochi di San Ciro.

Un’area ludica destinata ai bambini, ma che da anni versa in uno stato di totale abbandono da anni, nonostante le tante segnalazioni presentate dai genitori al Comune di Vico Equense. Il caso di ieri è emblematico della situazione di degrado. Il piccolo si è ferito con la recinzione che avrebbe dovuto interdire l’accesso ai giochi, molti dei quali sono vecchi e, quindi, pericolosi.

Nel corso degli ultimi anni più volte i genitori hanno chiesto al Comune di intervenire per aggiustare le giostre fatiscenti, le altalene rotte, le profonde buche e l’instabile pavimentazione di gomma. La ditta incaricata dall’amministrazione, dal mese di luglio ad oggi ha soltanto posizionato due giochi nuovi, ma non ha sostituito i pezzi rotti e pericolanti delle strutture esistenti. Due giorni fa, quindi, l’ufficio tecnico del Comune ha provveduto a far recintare l’area con reti di plastica fissate a paletti di ferro attraverso fili sporgenti. Uno di questi ha causato la ferita al piccolo che stava giocando in quella zona.

Dal comodando della polizia municipale fanno sapere che l’area era stata completamente chiusa attraverso le recinzioni e che qualcuno, forse, l’ha aperta. “Ora basta, abbiamo intenzione di manifestare e scendere in piazza per rivendicare i nostri diritti e quelli dei bambini”, dicono le mamme.