Appello dell’amministrazione per il Fiordo di Crapolla

crapolla-11

MASSA LUBRENSE. In un contesto ambientale unico al mondo, suggestivo da spezzare il fiato, posto nel golfo di Salerno a metà strada tra Punta Campanella e Positano, possiamo trovare il Fiordo di Crapolla. Un sito meraviglioso, dove accanto ad una natura incontaminata, osserviamo un antichissimo sistema idraulico di età romana, maestose vestigia archeologiche di età medievale, tra cui una abbazia benedettina, una torre di guardia di età vicereale e una spiaggetta caratterizzata dagli antichi “monazzeni”, depositi per i pescatori locali.

Per raggiungere questo “Paradiso” vi sono due modi soltanto: a piedi, seguendo un faticoso ma meraviglioso sentiero che attraversando il rio Iarito si snoda poi lungo 640 scalini, oppure via mare, costeggiando le magnifiche falesie massesi e l’Isca, l’isola acquistata da Eduardo de Filippo e suo buen retiro. Un Unicum conosciuto e invidiato anche all’estero, tanto da esser stato teatro, negli anni, di numerosi eventi internazionali, tra cui spiccano una giornata di studi per la conservazione e la valorizzazione (2009) e un laboratorio internazionale di restauro, “Crapolla Lab”, che ha visto la partecipazione di cinque università europee e studenti di otto nazionalità diverse (2014).

Crapolla

Entrambi gli eventi, patrocinati e promossi dal Comune di Massa Lubrense, dal Mibact, dall’Università Federico II di Napoli e dall’Archeoclub lubrense, hanno richiamato l’attenzione del mondo culturale italiano e straniero, portando alla stesura di ben due importantissimi studi. Quello curato da Stella Casiello e Valentina Russo, Il Fiordo di Crapolla. Conservazione e valorizzazione del paesaggio culturale della Penisola Sorrentina, numero speciale della rivista di scienza e restauro Arkos, editinera 2009 e l’altro di Valentina Russo, Landscape as Architecture. Identity and conservation of Crapolla cultural site, Nardini Editore, Firenze 2014.

I risultati di una prima fase conoscitiva e propositiva, per il recupero e la valorizzazione del sito di Crapolla con l’insieme delle sue architetture antiche e medievali, sono stati premiati con menzione speciale da Europa Nostra 2010/2011.

Un paesaggio, quello di Crapolla, che è ambientale e culturale allo stesso tempo, un “luogo dell’anima” e “delle anime”, dove storia e tradizioni, ambiente ed archeologia, si incontrano in un sincretismo unico ed irripetibile. Ogni 29 giugno, festa di San Pietro Apostolo, una folla di massesi e turisti, scendono processionalmente a Crapolla, per rendere omaggio al “principe degli Apostoli”, che si venera attualmente in una cappellina costruita nel 1949 sulle vestigia della chiesa dell’abbazia medievale, e caratterizzata dal riuso di materiali antichissimi, di età romana e altomedievali. Allora parliamo anche di spirito, non solo di patrimonio culturale e ambientale “tangibile”, ma anche “intangibile”, che non possiamo stringere tra le mani, ma possiamo sentire, perché perfino le pietre sprizzano una speciale magia.

crapolla14

Crapolla necessita, però, di aiuto. Necessita di fondi per sopravvivere, per salvaguardare il diffuso ambiente culturale, e il fragilissimo ambiente naturale. Per essere valorizzato e reso fruibile, il Fiordo di Crapolla, di competenza pubblica, necessita di tutela, per consegnarlo, intatto e meraviglioso, alle future generazioni.

In base a questa serie di considerazioni il sindaco di Massa Lubrense, Lorenzo Balducelli e l’assessore alla Cultura, Sergio Fiorentino, hanno scritto una lettera aperta ai propri concittadini allo scopo di avviare quella che definiscono una “mobilitazione culturale”.

“La presidenza del Consiglio dei ministri – si legge nel testo – ha messo a disposizione 150milioni di euro per recuperare luoghi culturali dimenticati per ristrutturarli e reinventarli, al fine di valorizzare e restituire alla collettività un “Bene Culturale” strappandolo all’oblio. L’amministrazione comunale di Massa Lubrense, di concerto con il Dipartimento di Architettura dell’Università Federico II di Napoli e l’Archeoclub Lubrense, ha proposto il recupero e la valorizzazione del Fiordo di Crapolla”.

Quindi l’invito ad inviare una mail entro il 31 maggio all’indirizzo bellezza@governo.it, scrivendo nel testo: “Segnalo il Fiordo di Crapolla (Massa Lubrense – Napoli) per recuperare questo straordinario patrimonio culturale, paradiso ambientale – archeologico – spirituale”.

“Sosteneteci in questa campagna – concludono Balducelli e Fiorentino -, che potrebbe rappresentare per Massa Lubrense un’occasione di riscatto e di crescita culturale e turistica.