Capri Watch - Fashion Accessories

Ancora un treno bloccato sulla Napoli-Sorrento. Abbac: Occupiamo ufficio di De Luca

Circum11

Ancora una giornata infernale per gli utenti della Circumvesuviana. Un treno della linea Napoli-Sorrento, quella di sicuro con più viaggiatori, rimane bloccato per un guasto. E tantissime persone, tra pendolari e turisti, sono costrette ad attendere la ripresa del servizio che per alcune ore ha visto i treni in partenza da Sorrento fermarsi a Vico Equense e quelli partiti da Napoli arrivare fino a Castellammare di Stabia. Poi la situazione è tornata alla normalità, ma non senza l’ennesimo strascico di polemiche.

Tra i più arrabbiati i gestori delle attività turistiche della costiera sorrentina che ora vogliono inscenare una clamorosa protesta occupando l’ufficio del governatore De Luca alla Regione Campania. Di seguito la nota diffusa da Sergio Fedele di Abbac Penisola Sorrentina.

“Causa avaria con conseguente treno fermo tra le stazioni di Pozzano e Vico Equense, la circolazione ferroviaria è interrotta tra le stazioni di Castellammare e Vico Equense. Insomma, ancora disagi per la Circumvesuvana. I treni in partenza da Napoli limitano a Castellammare, mentre quelli in partenza da Sorrento limitano la corsa a Vico Equense. Al momento non è stato ancora comunicato se ci siano autobus sostitutivi”.

Abbiamo ricevuto decine di telefonate da operatori turistici che volevano essere informati perché i loro ospiti sono rimasti bloccati per ore. Una situazione infernale ampiamente prevista e prevedibile. La penisola sorrentina deve insorgere. Non è accettabile che la Regione Campania non affronti tale questione come massima priorità del territorio. Sarà sempre peggio e si continua a ignorare un problema che può infliggere conseguenze gravissime per uno dei territori turistici più famosi al mondo.

Da un anno con civiltà e determinazione ci siamo appellati al presidente della Regione affinché istituisse il “Tavolo permanente per la accessibilità ed il trasporto in penisola sorrentina”. Recentemente anche i sindaci dei comuni della penisola sorrentina hanno fatto la stessa richiesta. Non è successo nulla. Anzi. Anche il programma concordato delle corse notturne è stato annullato.

A questo punto basta! Sindaci e Federalberghi andiamo ad occupare l’ufficio del presidente della Regione De Luca.
Questa la nostra proposta.