Ancora premi per gli alberghi di Sorrento: Il Syrene terzo hotel mondiale per TripAdvisor

bellevue-syrene

SORRENTO. Sono considerati gli Oscar dell’hotellerie. Si tratta dei TripAdvisor Travelers’ Choice Hotel Awards. Il primo posto della classifica a livello mondiale è andato all’Umaid Bhawan Palace di Jodhpur, nel Rajasthan, in India, un edificio indocoloniale e art decò costruito fra 1929 e 1944, adibito ad albergo solo nel 1977. L’imponente palazzo lungo 200 metri e largo 300, che oggi ospita 64 camere, è infatti il migliore albergo al mondo secondo la media dei giudizi pubblicati sulla piattaforma di recensioni dai viaggiatori nel corso degli ultimi 12 mesi.

Dopo il Shinta Mani Resort, a Siem Reap, in Cambogia, la terza piazza della classifica internazionale premia una struttura italiana. Si tratta del Bellevue Syrene di Sorrento: con l’impressionante vista sul Golfo di Napoli ha conquistato i viaggiatori di mezzo mondo, che gli hanno di conseguenza assegnato anche la vetta della classifica europea e di quella nazionale. Il cinque stelle, antica residenza patrizia, poi villa privata e dimora di charme, infine hotel, è incastonato fra rocce e mare e con un Vesuvio da cartolina sullo sfondo. Pernottare nel prestigioso hotel sorrentino costa in media 512,10 euro e il mese più conveniente è novembre.

Bellevue Syrene

Bellevue Syrene

Il Bellevue Syrene anticipa nella classifica assoluta italiana il J.K. Place di Roma, in posizione centralissima e strategica (dove una camera costa 545,18 euro a notte), e l’hotel Belvedere di Riccione. Seguono il Portrait di Firenze, con vista sul ponte Vecchio, il Bellevue Hotel & Spa di Cogne (Aosta). E ancora, il Granvara Relais & Spa Hotel di Val Gardena, Palazzo Avino di Ravello (Salerno), un’antica dimora ancora in una gemma della Costiera Amalfitana, il Miramonti Boutique Hotel di Avelengo (Bolzano), immerso in una pineta con vista su Merano, Villa Cora a Firenze e l’Artemide Hotel ancora nella Capitale, a due passi da piazza di Spagna.

Nel complesso, i quattordicesimi Travelers’ Choice Hotel Awards 2016 hanno premiato 125 strutture per 150 riconoscimenti. Ma l’Italia si riconferma protagonista anche strappando il vertice nella classifica dedicata ai migliori bed & breakfast del mondo con Casa Portagioia a Castiglion Fiorentino (Arezzo). Nonostante sia il Lazio la regione che si aggiudica il maggior numero di b&b premiati a livello nazionale, è dunque la Toscana a catapultare il nome dell’ospitalità italiana nel mondo.

Facendo qualche conto, su scala nazionale sono Campania, Trentino-Alto Adige e Toscana le Regioni più premiate. Sommando le strutture coinvolte nelle sei categorie (oltre a miglior hotel in assoluto gli Awards certificano anche i migliori hotel di lusso, i migliori b&b, le strutture con le migliori tariffe, quelle col miglior servizio e i migliori hotel di piccole dimensioni) il Trentino ne conta infatti ben 17 per 20 riconoscimenti mentre la Toscana 15 con 19 riconoscimenti. A trainare l’ospitalità nostrana è tuttavia la Campania, in testa alla classifica dei territori più premiati con 22 strutture nelle classifiche e 31 riconoscimenti incassati. In particolare negli ambiti degli hotel di lusso (otto strutture della top 25), miglior servizio (sette su 25) e migliori hotel di piccole dimensioni (cinque su 25). Le strutture più convenienti sono invece in Emilia-Romagna con sette premiate su 25.

“Anche quest’anno l’Italia vanta alcune delle eccellenze che si sono distinte non solo tra i confini nazionali ma anche a livello mondiale in varie categorie – ha commentato Valentina Quattro, portavoce di TripAdvisor per l’Italia – siamo orgogliosi di presentare i vincitori di quest’anno e ringraziamo i membri della nostra community che, con le loro recensioni e opinioni, hanno premiato queste strutture che, a loro volta, possono essere di ispirazione ad altri viaggiatori per i loro prossimi viaggi prenotabili su TripAdvisor”.

A quanto pare, l’Italia rimane anche a buon mercato nell’eccellenza. Paragonando le Top 10 europea, mondiale e nostrana nella categoria assoluta emerge infatti che la tariffa media più conveniente per soggiornare in uno degli alberghi vincitori – tutti di alto livello – è proprio quella offerta dalle strutture di casa nostra. La media è di 403 euro a notte rispetto ai 488 europei e ai 483 mondiali. Una curiosità? L’hotel meno costoso tra i dieci più apprezzati al mondo è La Siesta Hotel & Spa di Hanoi, in Vietnam, dove trascorrere una notte costa circa 94 euro. Il più caro è al contrario il Mirihi Island Resort, alle Maldive, con una tariffa media di 1.048 euro.

Il giro di riconoscimenti si chiude con una rassegna europea. Esaminando le top 10 continentali l’Italia esce non solo con i titoli già illustrati (miglior hotel in assoluto e miglior b&b) ma anche con altri piazzamenti di rilievo. Sul podio europeo dei migliori hotel di piccole dimensioni si piazza infatti, in seconda posizione, La Minerva di Capri, anche sesto a livello mondiale. E l’ospitalità italiana ottiene il podio, in Europa, anche per quanto riguarda i migliori hotel di lusso, dove spicca il terzo posto del The Gritti Palace, a Venezia, che scala ben sei posizioni rispetto all’anno scorso. Nel lusso, insomma, andiamo benissimo: siamo l’unica nazione con ben tre strutture premiate fra le prime dieci. Insieme a The Gritti entrano infatti tra i migliori dieci anche Bellevue Syrene (sesta) e Portrait Firenze (nona).

di Simone Cosimi da repubblica.it