Capri Watch fashion & Accessories

Anche il Consiglio di Stato boccia il progetto per le case a l’Atigliana a Sorrento

progetto-ceps-case-atigliana

SORRENTO. Il Consiglio di Stato boccia il ricorso della cooperativa Ceps e del Comune. Il progetto è quello dei tre palazzi residenziali da costruire in località Atigliana, a pochi passi dal centro di Sorrento. Il Tar, nel novembre del 2018, su ricorso presentato dal proprietario di un terreno confinante, sostenuto anche dall’associazione Vas, aveva ritenuto impossibile costruire in quella zona, sottoposta ai vincoli del Put. Anche le osservazioni presentate dalla Città Metropolitana avevano convinto i giudici amministrativi di primo grado, che avevano bocciato il progetto di 48 appartamenti in 3 edifici di 4 piani.

Il nuovo ricorso presentato dalla Cooperativa Edilizia Penisola Sorrentina è stato discusso a marzo e vedeva il Comune di Sorrento accanto ai soci della cooperativa, Nella sentenza emessa ieri dalla quarta sezione del Consiglio di Stato, i giudici hanno però respinto il ricorso di fatto confermando quanto aveva deciso il Tar due anni fa.

Una nuova doccia fredda per i soci della Ceps che sulla costruzione dei nuovi alloggi hanno investito molto: un miliardo e 900 milioni di lire nel 1992 per acquistare il terreno di 11mila metri quadrati in via Atigliana. Qui dovrebbero sorgere 48 appartamenti, alcuni di 94 e altri di 84 metri quadrati, suddivisi in tre palazzine e dotati di un impianto fotovoltaico. Intorno al complesso si sarebbe dovuto estendere un giardino di 7mila e 400 metri quadrati con parco giochi, panchine e percorso pedonale, che la Ceps si era impegnata a realizzare pur lasciandolo aperto al pubblico.

Il progetto di housing sociale aveva subito incontrato le resistenze di vicini e associazioni ambientaliste. In ogni caso il 20 aprile del 2018, la Ceps aveva posato la prima pietra nel corso di una cerimonia alla quale aveva partecipato anche il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo. Poi è arrivata prima la sospensiva da parte del Tar, poi la bocciatura nel merito ed ora anche lo stop da parte del Consiglio di Stato.