Al via il rilancio del borgo di Maiano

maiano-sant'agnello

SANT’AGNELLO. L’amministrazione comunale punta al rilancio del rione Maiano attraverso una seri di iniziative come la concessione di incentivi a favore di chi ristruttura vecchi locali o promuove attività artigianali, una scuola ed i laboratori permanenti, ai quali si affiancherà il museo destinato a ospitare le creazioni di ceramisti intarsiatori, liutai e intagliatori.

La Giunta ha dato il via libera al piano di recupero approvato in concomitanza con la seconda edizione di “Notti d’autore”, l’evento dedicato all’artigianato in programma dal 25 al 28 agosto proprio nel borgo conosciuto in tutto il mondo per la produzione di mattoni in terra refrattaria.

Il progetto di restyling prevede il riassetto degli spazi pubblici e la riqualificazione degli edifici che ospitano le fornaci di Maiano, dove la realizzazione di laterizi risale al XV secolo. Qui troveranno spazio botteghe alle quali si aggiungerà una scuola per la formazione di nuovi artigiani che opererà in sinergia con gli istituti scolastici della penisola sorrentina.

Ci saranno anche spazi destinati ad ospitare conferenze ed iniziative culturali e il museo delle arti in cui le opere degli artisti di Maiano resteranno esposte nell’ambito di una mostra permanente. In più, chi deciderà di restaurare antichi edifici o di avviare nuove attività artigianali potrà beneficiare di incentivi fiscali.

I lavori partiranno agli inizi del 2017 e saranno finanziati con fondi europei. “Il piano delineato dall’ufficio tecnico col supporto di due esperti esterni non stravolgerà l’impianto storico del borgo, ma farà di quest’ultimo la casa dell’artigianato d’eccellenza della penisola sorrentina – spiega il sindaco Piergiorgio Sagristani -. È una grande sfida che intendiamo vincere attraverso una piena condivisione con la popolazione locale”.