Abusi edilizi, arrivano le ordinanze di demolizione

abusivismo-edilizio

SORRENTO. Canne fumarie, terrazzi, manufatti, tettoie: si chiude con 7 ordinanze di demolizione il 2014 al Comune di Sorrento. Si tratta di provvedimenti emessi a conclusione di lunghi iter: relazioni, sopralluoghi, comunicazioni effettuati dalla polizia municipale nei mesi scorsi. L’intervento più vistoso è sicuramente quello di via Rivezzoli: senza nessuna autorizzazione edilizia è stata realizzata la copertura con solaio di un terrazzo. C’è, poi, una canna fumaria abusiva istallata in via Rota mentre sul corso Italia è stat realizzata una veranda. Abusivismo anche a Priora: in via Cacciatore è stata pavimentata una terrazza attigua ad un manufatto già oggetto di condono edilizio. Nel centro cittadino, invece, interventi non autorizzati in via Marziale (vano scala) e in viale degli Aranci dove, nonostante il parere negativo della Soprintendenza, sono stati istallati infissi e pannelli per coprire un terrazzo. Naturalmente tutti i proprietari hanno ora la strada del ricorso amministrativo, quella che già tante “soddisfazioni” ha regalato all’abusivismo in penisola sorrentina. I casi di ruspe in azione, lo sanno bene tutti, sono stati veramente pochissimi in questo lembo di terra.