A Sorrento lo stage per giovani portieri con Donnarumma

stage-portieri-2016-sorrento

SORRENTO. Ci sarà anche Gianluigi Donnarumma, portiere del Milan e, secondo gli addetti ai lavori, destinato alla successione di Gianluigi Buffon come estremo difensore della Nazionale azzurra, allo stage per giovani promesse del calcio in programma dal 27 al 30 dicembre al campo Italia di Sorrento. Sono attesi circa 300 atleti da tutto il Sud Italia per la seconda edizione del “Christmas Goalkeepers” organizzata dalla Scuola Numero 1 di Alessandro Pacifico in collaborazione con l’Accademia Calcio Sorrento. Evento che prevede allenamenti e tavole rotonde, ma anche visite guidate alla scoperta delle bellezze della costiera e la partecipazione alle manifestazioni natalizie organizzate dal Comune e dalla Fondazione Sorrento.

torneo-stelle-natale-2016

A visionare i ragazzi che ambiscono ad indossare le divise dei portieri delle squadre di serie A ci saranno tecnici del Centro federale della Figc di Coverciano, responsabili del vivaio del Milan – società alla quale l’Accademia Calcio Sorrento è affiliata – ed anche altri numeri uno di squadre della massima divisione del campionato italiano.

donnarumma-gargiulo-spot-sorrento

Intanto, dal 20 al 22 dicembre, lo stadio Italia ospiterà il secondo torneo di calcio “Stelle di Natale”, riservato ai ragazzi della categoria Pulcini, ossia quelli nati nel 2006. Alla manifestazione oltre ai padroni di casa ed ai giovani calciatori del Milan, prenderanno parte anche i bambini delle giovanili della Lazio e di una decina di altre squadre della costiera sorrentina e dell’intero Meridione.

A coordinare le attività dell’Accademia è Alessio Sparano, responsabile per il Sud delle scuole calcio affiliate al Milan. “Il progetto non si occupa strettamente di metodologie, bensì di far crescere i bambini dal punto di vista tecnico-tattico, ma soprattutto relazionale – spiega -. La sinergia con il settore giovanile del Milan è finalizzata a far sviluppare ai giovani partecipanti la propria personalità attraverso il calcio, visto come strumento di sviluppo sia dentro che fuori dal rettangolo di gioco”. L’obiettivo è anche quello di allontanare i ragazzi dalle strade coinvolgendoli in attività che possano stimolarli. Niente di meglio, allora del pallone.