Capri Watch fashion & Accessories

I ragazzi del “San Paolo” studiano le Antiche Mura di Sorrento

mura-villa-fiorentino

SORRENTO. Presentato, presso l’aula magna dell’Istituto polispecialistico “San Paolo”, l’evento finale del progetto “A scuola di Opencoesione”. Si tratta di un percorso innovativo di didattica che nasce con la strategia di apertura e trasparenza sulle politiche di sviluppo, grazie a un accordo tra il Dps (Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica) e il Miur (Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca)che tratta di temi di “Opengovernment”.

Gli alunni della 4D ad indirizzo Turistico dell’Istituto “San Paolo”, sul portale del sito di “OpenCoesione”, hanno individuato come itinerario da monitorare, le Antiche Mura ed il Bastione di Parsano, centro storico della città di Sorrento. Lo scopo di questo progetto è coinvolgere, sensibilizzare gli studenti sull’utilizzo di contenuti e strumenti per conoscere e rilevare i progetti delle politiche di coesione, costruendo percorsi didattici interdisciplinari.

L’incontro è stato aperto dalla dirigente scolastica Paola Cuomo che ha ringraziato l’assessore alla Cultura Mariateresa De Angelis per la disponibilità e l’apertura nei confronti di questa didattica innovativa. L’esponente dell’amministrazione comunale, entusiasta, ha ringraziato, portando i saluti del sindaco Giuseppe Cuomo. Sono intervenuti l’avvocato Luigi Maglio, presidente dell’Istituto Italiano Castelli, l’Architetto Antonio Amitrano e l’architetto Rosario Fiorentino.

Bastione-di-Parsano

Entrambi i tecnici hanno illustrato attraverso disegni e vecchie fotografie la Sorrento antica, focalizzando l’attenzione soprattutto sulle “Antiche Mura” e sulla evoluzione di questo “patrimonio” storico artistico. L’architetto Amitrano, ribadisce che “questi studi mirati, in sinergia con le Istituzioni, serviranno moltissimo ai ragazzi, che cresceranno culturalmente e familiarizzando con il mondo lavorativo”.

Il suo auspicio è che “Sorrento possa raggiungere vette sempre più alte, per cui è indispensabile il contributo dei più giovani”. L’incontro termina con un forte grazie a tutti coloro che hanno promosso la realizzazione del progetto “Opencoesione”, in particolare alle docenti referenti: Enza D’Onofrio e Maria Gargiulo, sempre supportate dalla dirigente Paola Cuomo, il dottor Francesco di Crescenzo, dell’Associazione Noi@Europe di Napoli (ente nato con lo scopo di informare sulle opportunità di mobilità dell’UE e fornire consulenza nell’ambito della progettazione per finanziamenti comunitari diretti), la dottoressa Mariateresa De Angelis Assessore Istruzione Comune di Sorrento; il dottor Carlo Alfaro, che, in sinergia, con la professoressa Miriam Perfetto, e il fotografo Nino Casola, ha guidato i ragazzi della 3C indirizzo turistico a conservare attraverso scatti fotografici e pezzi giornalistici le varie fasi del progetto.

Non dimentichiamo l’ingegnere Alfonso Donadio, dirigente Lavori pubblici Comune di Sorrento, gli architetti Rosario Fiorentino ed Antonio Amitrano. Un grazie speciale ad Ilaria Vitiello, assessore della mappa alternativa (una piattaforma di comunicazione urbana di collaborative mapping che intende superare gli stereotipi legati alla città di Napoli individuandone invece luoghi e spazi che possono essere reinventati grazie alla partecipazione attiva dei cittadini ) sempre aperta alla promozione e alla divulgazione di iniziative culturali sul territorio partenopeo .

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play