Capri Watch - Fashion Accessories

Vicenda bilancio, la replica di Staiano a Balducelli e Fiorentino

primo-consiglio-balduccelli2

Riceviamo la replica del capogruppo della minoranza in Consiglio comunale, Lello Staiano, in merito alla nota diffusa dal sindaco Lorenzo Balducelli ed a quella di alcuni giorni fa del presidente del Consiglio comunale, Sergio Fiorentino. Al centro dello scontro ancora la questione relativa al Bilancio di previsione. A questo punto, però, auspichiamo che il confronto tra maggioranza ed opposizione si consumi sui fatti concreti e non più su questioni puramente tecniche: ai cittadini interessa sapere per cosa vengono spesi i soldi che pagano di tasse e non se il bilancio viene approvato in un modo o nell’altro.

Di seguito la risposta di Staiano a Balducelli:

I fatti hanno la testa dura: puoi mettere insieme tutte le parole del mondo, ma non riuscirai neppure a scalfirli.
E i fatti sono:

1) ad avvio della seduta consiliare del 18 aprile 2017, nella quale era prevista la discussione del Bilancio di previsione, il gruppo “Insieme per Massa Lubrense”, in una dichiarazione depositata dal suo capogruppo, ha rilevato: a) né la Delibera di Giunta sulla nota di aggiornamento al Dup e né il parere del revisore dei conti sulla stessa, erano state messe a disposizione dei consiglieri nei termini previsti dalla normativa vigente; b) il deposito di tali documenti era avvenuto tardivamente e solo su richiesta del capogruppo di “Insieme per Massa Lubrense”; c) la Giunta aveva approvato lo schema del bilancio di previsione prima della nota di aggiornamento Dup, sulla quale aveva deliberato solo otto giorni dopo, in spregio non solo della logica, ma anche alle istruzioni Ifel; d) il documento contenente il parere del revisore dei conti sullo schema del Bilancio di previsione, messo a disposizione dei consiglieri, recava un protocollo “a mano”: circostanza molto singolare, perché il Comune di Massa Lubrense è da tempo dotato di protocollo elettronico, come impone la legge; e di certo contraria a ogni principio di trasparenza. Anche il più incallito negatore dei fatti ammetterà che l’intera sequenza dimostra confusione, approssimazione e incompetenza, se non nella definizione delle poste contabili, almeno nella gestione delle procedure.

2) solo dopo la contestazione del capogruppo di “Insieme per Massa Lubrense”, la maggioranza ha sospeso e rinviato la seduta. Sul che si possono fare solo congetture, tutte purtroppo poco rassicuranti: lo ha fatto perché si è accorta tardivamente di non avere avuto neppure essa conoscenza degli atti? Lo ha fatto perché si è accorta che l’opposizione era al corrente ed era reattiva, mentre ne aveva messo in conto il silenzio o la distrazione? Lo ha fatto perché opera con dilettantesca leggerezza?

3) l’avvocato Sergio Fiorentino confessa stragiudizialmente di non rispettare il regolamento di contabilità, in quanto “obsoleto e non aggiornato”. Curiosa posizione: siccome ritengo la norma non adeguata, intanto la violo. Curioso, e anche pericoloso, per sé e per gli altri. Siccome ormai l’amministrazione è in carica da un certo tempo, avendo maturato quest’idea di inadeguatezza non avrebbe fatto meglio a modificare il regolamento piuttosto che violarlo?

4) al novero dei fatti appartiene anche un dato: il capogruppo di “Insieme per Massa Lubrense”, per tutto il tempo in cui è stato assessore al Bilancio, ha condotto le finanze comunali in modo oculato, ottenendo le condizioni migliori quanto all’esposizione debitoria, al recupero dei crediti e agli investimenti. E ha lasciato i conti in ordine. Il Consiglio comunale sarà la sede adatta per discuterne e per fare il raffronto con l’incerta conduzione attuale.

Questi i fatti, dunque. Irriducibili: anche se l’avvocato Fiorentino sale sul proscenio e tenta di avvolgerli nei fumi di scena.

Al sindaco e alla cittadinanza tutta desidero far sapere che proprio per il bene del paese (per usare le parole del sindaco) intendo essere scrupoloso e attento più che mai, soprattutto sui conti del Comune perché, diversamente dal passato, vedo troppa superficialità ed incompetenza in materia e sono molto preoccupato per le casse comunali e per le tasche di tutti i cittadini di Massa Lubrense.