Venditore abusivo di mimose, fiori sequestrati e donati alle liceali

mimose

SORRENTO. Ieri mattina, coordinati dal tenente Nunzio Difonzo, gli uomini della Guardia di Finanza di Massa Lubrense hanno passato al setaccio l’intera città di Sorrento. L’obiettivo era quello di individuare i venditori abusivi di fiori che infestano le strade cittadine in occasione non solo della Festa della Donna, ma anche a San Valentino e per la Festa della Mamma.

Nelle maglie dei controlli è finito un uomo di Napoli che vendeva mimose senza licenza e che, di conseguenza, si è visto infliggere una sanzione amministrativa di circa 5mila euro per esercizio abusivo dell’attività commerciale. I finanzieri gli hanno anche confiscato circa 200 mazzi di mimose e 100 di altri fiori che poi, su suggerimento del tenente Difonzo, sono stati donati a studentesse, professoresse e collaboratrici del liceo scientifico Salvemini.

Le studentesse hanno pensato di condividere quel regalo con chi affronta quotidianamente il dramma della vecchiaia e della malattia: le ospiti della casa di riposo Sant’Antonio, che sorge a quattro passi dal liceo, dove sono stati consegnati alcuni mazzi di fiori alle anziane ospiti.

L’operazione della Guardia di Finanza arriva anche in seguito alla lettera con cui la Confcommercio ha denunciato alla Prefettura di Napoli il dilagante fenomeno dei venditori abusivi di mimose. “I fioristi – si legge nella nota – sono penalizzati dall’indifferenza delle autorità competenti nell’applicazione delle leggi contro l’abusivismo commerciale”.