Un miliardo di accessi su You Tube e “Gangnam Stile” di PSY entra nella storia

PSY

Il suo nome è Park Jai-Sang, ma nel mondo è conosciuto con il suo pseudonimo discografico: PSY. È il rapper, cantante e ballerino sudcoreano che nell’ultimo anno ha riscosso un successo clamoroso, grazie al suo singolo “Gangnam Style”.

Un autentico tormentone che ora ha al suo attivo anche un record di assoluto rispetto: è diventato il videoclip più visto di tutti i tempi su You Tube, con oltre un miliardo di views online in soli cinque mesi (il video è stato caricato il 15 luglio scorso). Un risultato migliore di quanto sia riuscito a fare Justin Bieber con “Baby”. Per suggellare un 2012 da favola, PSY, dopo aver duettato con star della musica internazionale del calibro di MC Hammer, Britney Spears e Madonna, ha ottenuto un riconoscimento fuori dal comune. Avrà, infatti, l’onore e l’onere di esibirsi in un live la notte di Capodanno nella più suggestiva cornice del mondo: Times Square, a New York.

Nato il 31 dicembre del 1977 nel Gangnam District di Seul (la sua hit, almeno nel nome, è un tributo alle origini), dopo aver completato gli studi superiori si trasferisce negli States dove frequenta contemporaneamente la Boston University ed il Berklee College of Music. Ben presto, però, la passione per la musica soppianta l’interesse per l’economia e PSY decide di destinare i soldi per la retta universitaria all’acquisto di strumenti musicali. Un’intuizione fortunata che lo porta ad avviare la carriera musicale. Già nel 2000 esordisce con il singolo “Bird”.

Negli anni successivi PSY continua a sfornare brani di discreto successo ed anche alcuni album, sempre accompagnati dal suo inconfondibile stile nei video musicali, con coreografie comiche e ricche di colori. Ma l’esplosione arriva solo la scorsa estate grazie a “Gangnam Style”. Sulla scia del trionfo riscosso il rapper sudcoreano si appresta a sfornare altri brani di successo, sempre conditi dall’irresistibile senso dell’umorismo che lo accompagna.