Capri Watch fashion & Accessories

Torna a scorrere l’acqua nella Fontana del Cerriglio

fontana-cerriglio

MASSA LUBRENSE. Ritorna l’acqua nella Fontana del Cerriglio, dove i lavori di pulizia hanno portato ad una importante scoperta: una conca per l’acqua a forma di conchiglia finemente intagliata e impreziosita da una costolatura sia all’interno che all’esterno.

fontana-cerriglio-1

Erano molti anni che a causa di una serie di ostruzioni all’acquedotto che dalle sorgenti portava l’acqua alla fontana pubblica, la Fontana del Cerriglio era a secco, con grande disappunto degli abitanti della zona e dei tanti turisti di passaggio. Il Cerriglio si trova alla fine di un grande e lungo androne di un antico Palazzo edificato già nel 400 da Giovan Giacomo De Martino segretario della Regina Giovanna d’Angiò. Nel secolo successivo vi dimorò Ferrante De Martino detto “il Raglione” soprannome che è diventato il toponimo dell’intera zona, poco più sopra di piazza Vescovado a Massa Lubrense.

fontana-cerriglio-2

I lavori, finanziati dall’amministrazione comunale, sono stati eseguitI dalla ditta Ceda di Massa Lubrense, hanno portato al rifacimento dell’intero impianto di adduzione e nella pulizia della Fontana. In questa fase dei lavori è stato riscontrato uno strato spessissimo di incrostazioni calcaree che si erano sovrapposte negli anni. Dalla loro rimozione è emersa la conca in marmo a forma di conchiglia di cui al momento non è stata data nessuna datazione. Ai lati della fontana sono stati anche ripuliti i due mascheroni in marmo di epoca seicentesca.

“Siamo doppiamente contenti, sia perché finalmente è tornata l’acqua al Cerriglio, sia perchè dall’opera di pulizia è emersa la bella conchiglia in marmo che non era più leggibile da decine e decine di anni – dichiara il sindaco di Massa Lubrense, Lorenzo Balducelli – di questo risultato devo dare atto dell’impegno dell’assessore Pietro Di Prisco, dei tecnici della struttura comunale e delle maestranze della ditta incaricata che hanno operato con grande professionalità ridando alla nostra comunità ed ai turisti un luogo molto significativo nella storia di Massa Lubrense”.