Capri Watch fashion & Accessories

Terna avvia i lavori per la seconda alimentazione elettrica della costiera sorrentina

linea-elettrica-massa-lubrense

Demolizione di vecchi tralicci, drastica diminuzione di CO2 immessa nell’atmosfera, continuità e stabilità delle forniture elettriche. Terna ha avviato la nuova fase di ammodernamento delle linee per la fornitura elettrica a tutti i comuni dei Monti Lattari e della penisola sorrentina. Un’opera attesa da tempo che completerà la prima parte, quella già realizzata, e cioè l’alimentazione in cavo subacqueo dell’isola di Capri con partenza dalla centrale di Torre Annunziata e il collegamento sempre subacqueo tra la centrale di Capri e la nuova stazione di Sorrento che si sta costruendo in via San Renato.

Grazie a questi interventi il primo grande risultato ottenuto è stata l’alimentazione esterna di Capri che ora, grazie a questo nuovo intervento avrà un doppio binario di alimentazione: da Torre Annunziata e da Sorrento. La nuova connessione lavorerà a 150 Kv e sostituirà le vecchie e vetuste linee a 60 Kv, ormai superate e, soprattutto, inaffidabili.

Ultimato il primo collegamento, appunto, Torre Annunziata-Capri-Sorrento ora parte la realizzazione del secondo collegamento, quello che chiuderà il circuito in modo da avere una doppia alimentazione, Sorrento-Vico Equense-Agerola-Lettere. A seguito dell’autorizzazione ottenuta, infatti, Terna ha avviato le indagini per il progetto definitivo dell’interconnessione a 150 Kv. Si tratta, in buona sostanza, del collegamento tra la nuova stazione elettrica di Sorrento e le esistenti cabine primarie di Vico Equense, Agerola e Lettere che saranno adeguate ai nuovi livelli di tensione.

Saranno demoliti ben 40 chilometri di vecchi tralicci di cui ben 20 dislocati all’interno del parco regionale dei Monti Lattari. Al fine di eseguire tutte le analisi necessarie alla progettazione esecutiva e realizzazione dell’opera, Terna in questi giorni ha comunicato le particelle interessate dai sostegni e le aree che saranno utilizzate in futuro per accedere alla linea. L’intera opera prevede la realizzazione di 35 km di nuovi elettrodotti, di cui 12 km in cavo interrato, in prossimità delle cabine primarie, e fa parte del programma finalizzato a migliorare l’affidabilità del sistema elettrico dell’area, servita attualmente da una rete risalente agli anni ’60.

Terna ha già evidenziato che verrà “incrementata la sicurezza e la qualità del servizio e ridotte le perdite di energia per trasporto sulla rete grazie a un più efficiente sfruttamento del sistema elettrico di trasmissione”. I tecnici di Terna stanno programmando incontri sul territorio con i cittadini per spiegare i benefici complessivi degli interventi a cominciare dal drastico taglio delle emissioni di CO2 in atmosfera: ben ottomila tonnellate ogni anno. La stabilizzazione della fornitura elettrica è una richiesta forte. I continui blackout hanno arrecato danni notevoli al territorio.

Ci sono, poi, le aumentate esigenze di forniture che la vecchia linea non riesce più a sopportare. Con questo intervento ogni stazione primaria del territorio avrà una doppia alimentazione a 150 Kv e l’interruzione di una linea non farà più paura. La nuova stazione primaria di Sorrento consentirà lo smantellamento di quella esistente alla radice dei fabbricati che affacciano su via Marziale e, soprattutto la demolizione dell’emittente traliccio a ridosso della scuola media Torquato Tasso.

di Antonino Pane da Il Mattino