“Sversamento di liquami nel mare di Meta”, esposto del Wwf

sversamento-meta

META. Una vasta fuoriuscita di liquami si è verificata il 5 ed il 9 maggio nella zona della spiaggia del Purgatorio. La segnalazione è degli ambientalisti del Wwf penisola sorrentina. Dopo aver attraversato un tratto dell’arenile i liquami si sono riversati in mare creando una vasta chiazza di colore marrone visibile anche dall’alto. Una situazione che ha portato a lanciare l’allarme chiedendo l’intervento della polizia municipale di Meta e della capitaneria di porto di Castellammare di Stabia.

La fuoriuscita di liquami di natura fognaria, a giudicare dall’odore e dai residui presenti (carta igienica e pannolini) ha di fatto provocato una grave alterazione morfologica della spiaggia, delle acque e dell’ecosistema marino, oltre ad un conseguente danneggiamento paesaggistico-ambientale.

liquami-mare-meta

Si ritiene che l’inconveniente, come già avvenuto in passato, sia provocato dai “troppo pieni” dell’impianto fognario che sfociano lungo la spiaggia di Meta. Il Wwf ha pertanto sollecitato un rapido intervento della guardia costiera di Castellammare di Stabia chiedendo di accertare: la provenienza e la natura delle sostanze giunte in mare; la presenza di inquinanti nella sabbia e nelle acque marine nel punto segnalato; l’entità dell’eventuale danno ambientale alla flora e alla fauna del sito e, infine, l’individuazione di tutte le responsabilità.

“Ci auguriamo – affermano gli attivisti del sodalizio – che si proceda ora all’attuazione di tutte le eventuali procedure di messa in sicurezza dell’area marina e terrestre, comprese le operazioni di bonifica della spiaggia così come previsto dalle normative vigenti, consistenti nel filtraggio, purificazione e successivo ripascimento della sabbia. Non è più tollerabile che sull’arenile e sulla ghiaia attraversata, ormai troppo spesso, da liquami in accidentale fuoriuscita, possano poi liberamente camminare e giocare i nostri bambini, né è possibile che continuino a nuotare nelle acque schiumose e marroni, con un rischio sanitario assolutamente da non sottovalutare.”