Capri Watch fashion & Accessories

Sorrento. Dona a disabili le carrozzine elettriche che voleva noleggiare ai turisti

motocarrozzette-disabili-donate-sorrento

La crisi economica conseguenza della pandemia di Covid sta facendo emergere il meglio di tante persone. In molti si danno da fare per contribuire a migliorare la qualità della vita di chi è alle prese con l’emergenza economica in un territorio come quello della penisola sorrentina dove sembrava che disoccupazione e povertà fossero parole cancellate da tutti i dizionari grazie alla ricchezza garantita dal turismo. Invece in un anno è cambiato tutto. Sono tante le famiglie che faticano a far quadrare i conti.

Per fortuna, come detto, non manca l’altruismo di chi, magari vivendo egli stesso una situazione difficile, non esita a dare il proprio contributo per sostenere chi sta peggio. Tra questi c’è anche il protagonista di una storia da libro Cuore ambientata in Costiera. Si tratta di un giovanissimo imprenditore di Sorrento, che due anni fa, in pieno boom turistico, ha avuto un’idea geniale: ha acquistato cinque motocarrozzette per noleggiarle a turisti anziani o diversamente abili che ne avessero avuto bisogno per andare più comodamente in escursione o semplicemente passeggiare per la città.

Veicoli di fatto nuovi visto che sono stati utilizzati pochissimo prima che la pandemia arrivasse a bloccare quasi completamente il turismo a Sorrento e dintorni. Proprio il Covid ha costretto il giovane imprenditore a guardarsi intorno fino a decidere di accantonare la sua idea e cambiare lavoro.

motocarrozzette-disabili-sorrento

“Ma la necessità non ha cambiato lui”, spiega Eugenia Di Leva che ha voluto tributare il dovuto riconoscimento pubblico a questo giovane che ha chiesto di mantenere l’anonimato. Eugenia, che da mesi si batte per aiutare chi è in difficoltà lanciando iniziative come quella del tablet sospeso per gli studenti o raccolte fondi, non poteva far passare sotto silenzio un gesto che va premiato e che, soprattutto, deve rappresentare un esempio per chi può dare il proprio contributo.

“Si tratta di un ragazzo altruista nello start up così come è altruista nello shut down – evidenzia Di Leva -. E così i questi giorni le motocarrozzette saranno donate a cinque persone della penisola sorrentina: tre segnalate dai servizi sociali di Massa Lubrense e due dalla Protezione Civile di Sorrento”. Un gesto non da poco visto che ogni scooter elettrico costa almeno 600 euro e qualunque altro imprenditore li avrebbe messi in vendita nel tentativo di rientrare almeno in parte dell’investimento.

“Non lui, questo ragazzo dal cuore d’oro che ha deciso di regalarli per consentire a cinque persone del nostro territorio di tornare a spostarsi in autonomia”, commenta Vittorio Acampora che collabora con Eugenia Di Leva nelle iniziative benefiche nelle quali ha coinvolto anche il giovane anonimo benefattore.