Capri Watch, fashion accessories

Resto al Sud, a Sorrento uno sportello dedicato agli incentivi per i giovani

giovani

SORRENTO. Resto al Sud è l’incentivo che sostiene la nascita di nuove attività imprenditoriali avviate da giovani nelle regioni del Mezzogiorno d’Italia. Il Comune di Sorrento, al fine di favorire l’accesso dei ragazzi residenti nella città della costiera a questa opportunità ha deciso di istituire uno sportello di consulenza presso il centro Informagiovani. “I nostri esperti – spiega l’assessore Massimo Coppola – sono a disposizione, previo appuntamento, per informare ed assistere gli interessati nella presentazione delle pratiche di finanziamento”.

La dotazione finanziaria complessiva del progetto Resto al Sud gestito da Invitalia è di un miliardo e 250milioni di euro. I finanziamenti possono essere utilizzati per avviare iniziative imprenditoriali per la produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura, per la fornitura di servizi alle imprese ed alle persone e per dare vita ad imprese del comparto turistico. Sono escluse dal finanziamento le attività agricole, libero professionali ed il commercio.

Sono considerate spese ammissibili quelle per la ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili, per l’acquisto di impianti, macchinari, attrezzature e programmi informatici e per le principali voci di spesa utili all’avvio dell’attività.

Il finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili e consiste in un contributo a fondo perduto pari al 35% dell’investimento complessivo con un finanziamento bancario pari al restante 65%, garantito dal Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese. Gli interessi del finanziamento sono interamente coperti da un contributo in conto interessi

Resto al Sud è un incentivo a sportello: le domande vengono esaminate senza graduatorie in base all’ordine cronologico di arrivo.